La vita faccia a faccia – Jerzy Grotowski | comunicazioni | Ezio Falcomer | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Artemisia
  • Filo Bacco
  • Marco Galvagni
  • Giuseppina Di Noia
  • dante bellanima

La vita faccia a faccia – Jerzy Grotowski

<<Non bisogna ascoltare i nomi dati alle cose, bisogna immergersi nell'ascolto delle cose stesse. Se si ascoltano i nomi, allora ciò che è essenziale svanirà [...].
Se cerchiamo il modo di nasconderci dietro formule intellettuali, dietro idee, slogan, cioè se mentiamo in ogni istante con la massima raffinatezza, siamo condannati all'infelicità. Se tutto quello che vogliamo fare è sempre solo tiepido, sempre fino a un certo punto, sempre «come gli altri», sempre per essere accettati, siamo condannati all'infelicità. Ma se - paradossalmente - si tende verso un'altra direzione, a un certo livello appare la calma.
Esistono istanti in cui non esistiamo per metà, quando siamo in armonia con noi stessi. E non nell'ordine dell'intelletto, ma globalmente. Se questo accade nel lavoro, poi senza dubbio vestiremo di nuovo la maschera quotidiana [...]. Cadremo forse nei compromessi, ma [...] in fondo questi compromessi non si spingeranno troppo lontano. In modo simile diminuirà la nostra paura, poiché è una funzione della tiepidezza e delle menzogne. Deriva dal fatto che abbiamo paura di affrontare la vita faccia a faccia. [...]
Le fonti della vita cominciano a funzionare davvero solo dopo aver eliminato i rattoppi, la menzogna e la tiepidezza. [...]
È la questione dell'uomo che deve essere risolta. Guardate ciò che accade! Vigilate su voi stessi! Allora c'è qualcosa come la presenza alle due estremità dello stesso registro, due poli diversi: quello dell'istinto e quello della coscienza. Normalmente la nostra tiepidezza quotidiana fa sì che stiamo fra questi due poli e non siamo né pienamente animali né pienamente umani, siamo spinti in maniera confusa tra i due. Ma nelle vere tecniche tradizionali e in ogni vera «arte performativa», si tengono contemporaneamente i due poli estremi. Vuol dire «essere nel principio», «stare in piedi nel principio». Il principio è tutta la vostra natura originale, presente ora, qui. La vostra natura originale in tutti i suoi aspetti: divini o animali, istintuali, passionali. Ma allo stesso tempo dovete vigilare con la vostra coscienza. E più siete «nel principio» più dovete «stare in piedi». È la consapevolezza vigile che fa l'uomo. È questa tensione tra i due poli a dare una contraddittoria e misteriosa pienezza. [...]
È quando siamo nel non dilettantismo che si apre il vero abisso: siamo allora contemporaneamente di fronte all'arcaico (arché) e al cosciente. [...]
È vero che si deve superare il livello del dilettantismo, ma una volta raggiunto il non dilettantismo si presenta una questione essenziale e umana: il vostro sviluppo come individui. [...]
Quando si è nel non dilettantismo, allora è la questione di te - dell'uomo - che si apre. [...] Amleto, parlando di suo padre, il re morto, dice: «Era un uomo». Dice: «Non incontrerò mai un altro come lui».
Questa è la vera domanda: «Sei un uomo?». C'è un'immagine di questo nei Vangeli. Sulla strada per Emmaus, due compagni di Gesù, impauriti, sconvolti, disperati, camminano verso questo piccolo villaggio. Uno sconosciuto si unisce a loro. Sono molto agitati. Parlano dell'avvenimento, la morte di Gesù. Stanno discutendo. Lo sconosciuto dice: «Perché discutete?». «Ma», rispondono, «sono accaduti eventi sconvolgenti. Non hai sentito?». E gli raccontano. E che storia gli raccontano? Questa storia la conosciamo. La prima frase di questa storia [...] dice: «Era un uomo». È la prima frase che ebbero da dire per descrivere il loro eroe: «Era un uomo». Questa è la questione che si porrà dopo quella del non dilettantismo: «Sei un uomo?». >>
 
(Jerzy Grotowski, "Testi 1968-1998")
 
(da http://www.lameditazionecomevia.it/grotowski3.htm, 25-08-2016, h 9:05)
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 5 utenti e 2491 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Sara Cristofori
  • Antonio.T.
  • ferry
  • Poeta Errante
  • Salvatore Pintus