scelti per voi

rosso venexiano
 
 Autore del mese: taglioavvenuto
 
 Perle di Novembre
 
 miglior commento: 

E' nello stornare della risposta che la bocca tace sommersa dai versi.
C'è una trama sottile che induce sulle tua labbra. Estinguere il gesto, ammutolire il verbo, è nella negazione la parola che l'urlo di Munch si rinnova. Ablerò su destini dal suono negato nella notte più fonda della parola, maelstron di tutte le vocali affossate nel gorgo del suono. E già il verso rimarrà muto. Rinaldo Ambrosia 

Login/Registrati

Concorso fotografico “L'estate è dentro di te”

Commenti

Nuovi Autori

  • carezzavolmente
  • Barbara de Haviland
  • Gino Ragusa Di ...
  • Flavio Esposito
  • Marina Oddone

Al lago d'Averno

Al lago d'Averno

... sedevano sulla riva,  una pettinandosi le lunghe chiome nere dai riflessi azzurri, l'altra intracciandosi fiori tra i capelli dorati, il candore dei loro corpi nudi si rifletteva nelle acque placide.

- ... che mi consigli di fare, dolce amica mia ? - continuando a pettinarsi, lo sguardo sperduto, sembrava , verso la sponda opposta del lago, Melusina non rispondeva ancora, sembrava assorta.

- ... so di ninfe come noi che hanno perso i loro poteri nell'adattarsi alla vita con un umano, ma a me non interessano i poteri, io lo amo, Melusina - gli occhi azzurri di Ondina scrutavano ansiosi il volto dell'amica - e così guadagnerei l'anima ... -

La risata improvvisa di Melusina la sorprese  - L'anima ? Ondina che te ne fai dell'anima? Non dirmi perchè vuoi andare in Paradiso quando morirai, sono solo fiabe, storie per gli stupidi come te - allungò la mano ad accarezzare la guancia della bionda scoprendole gli occhi pieni di lacrime - sei così tenera, pulito tesoro di amica, non piangere, sai che non voglio prenderti in giro - e si chinò a baciarla sulla fronte.

- ... che devo fare, allora? Non posso più vivere senza di lui, il suo pensiero è una dolce ossessione, dimmi, Melusina, e ti ascolterò, come sempre . Tu sei la mia migliore amica e chi, se non te, può indicarmi la giusta strada . -

- Lascialo perdere, tesoro caro, lui non ti merita : TU meriti altro . - Melusina continuava a parlare scrutando le acque del lago che parevano iniziassero a incresparsi  là, in fondo, proprio al centro.

Si alzò, i lunghi capelli a coprirle le spalle ... c'era movimento, ora, sulle acque: una figura scura ne stava scaturendo fuori, lentamente ... Melusina sorrise, si voltò verso l'amica a coprire con il suo corpo l'avvicinarsi dell'altra figura - Ondina, cuore mio, tu sei destinata ad essere una regina non la moglie di un uomo, sei così bella, così dolce, così luminosa ... - una veloce occhiata alle spalle - che riempirai della tua presenza il mondo degli Inferi - La figura era un demone che si avventò su Ondina prendendola a forza e inabissandosi poi con la preda nelle acque del lago . 

Melusina si risiedette e ricominciò a pettinarsi i capelli, lui sarebbe arrivato a breve e sarebbe stato tutto suo -sorrise- finalmente.

 

 

 

Cerca nel sito

Pubblicazioni di Rosso Venexiano

Perle come Poesia Silloge 2011
Perle come Poesia Silloge 2011

Cerca un autore

Inserire uno o più nomi utenti separati da una virgola

Sono con noi

Ci sono attualmente 11 utenti e 49 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • luccardin
  • Marina Oddone
  • erremmeccì
  • Dylan
  • Maria Cusumano
  • leopold bloom
  • ComPensAzione
  • Barbara de Haviland
  • alvanicchio_Gir...
  • gatto
  • Winston