scelti per voi

 
 Autore del mese: selly
 
 Perle di Giugno

Login/Registrati

Concorso fotografico “L'estate è dentro di te”

Commenti

Nuovi Autori

  • Mara 1964
  • siamo solo parole
  • Salvo Aldini
  • patrizia atzeni
  • Fabrizio Giulietti

In viaggio/ 2

 

2

 

Chissà perchè ma ho continuato a pensare alla coppia di stamattina, e i numeri della targa continuano a girarmi in testa: forse dovrei giocarli al Lotto, l'idea mi fa sorridere perchè poi se dovessi vincere che me ne farei ? Sono sola, non ho figli ne' nipoti e vivo benissimo con quello che ho . Eppure ci sono molti anziani che lo fanno e me ne sono sempre chiesta il motivo.

Ho aperto la finestra della sala : la temperatura è così mite che ho intenzione di uscire . Non esco spesso, d'altra parte per andare dove? Ma oggi il cielo è così terso che sembra mi chiami . Mi preparo - con la mia solita lentezza, senza fretta - infilo le mie scarpe più comode, il soprabito e il cappello - così non serve nemmeno che mi sistemo i capelli - la borsetta è sempre sul mobile vicino all'entrata, e finalmente esco. Mentre scendo le scale sento chiudersi la porta del mio dirimpettaio : abita qui da poco e non ho ancora avuto l'occasione di parlarci - solo buongiorno e buonasera quando ci incrociamo - è un giovane trentenne , alto e magro . Mi passa accanto sulle scale girandosi appena con un sorriso e un saluto - avere l'età che tutti sono più veloci di te, ti affiancano e scappano, vedi solo fianchi e schiene, a volte hai l'impressione di essere quasi invisibile, oppure di vivere in una dimensione in cui il tempo è al rallentatore , ma non accellero, non più - arriva al portone lo apre e poi si ferma lì accanto : Prego signora - e accenna ad un inchino . Pensiero gentile che mi sorprende , sorrido e ringrazio. Fuori l'aria è davvero piacevole : attraverso il viale e mi trovo all'altezza del muretto quando sento uno strano rumore, come qualcosa che batte piano vibrando : in mezzo ad un ciuffo d'erba ridosso il muro vedo qualcosa di nero e mi chino per raccoglierlo. E' un telefono cellulare e lampeggia e mi vibra tra le mani, ma poi, prima che capisca come si fa a rispondere, cessa di colpo.

Sono perplessa , mi guardo attorno nel viale ormai animato dal traffico e dalla gente di fine mattina, poi lo infilo in tasca e continuo la mia passeggiata - ci penserò dopo, e mi torna in mente il gesto della donna con il casco, la mano che rotea, dopo, più tardi, poi. Non ho fretta .

 

- Quando si incontra un cane il gesto che inconsciamente si fa è di allungare la mano per accarezzarlo sulla testa: a volte è in questo momento che il cane attacca, fraintendendo il gesto come un atto di prevaricazione e di offesa . Prima bisogna presentargli il palmo perchè impari a conoscere l'odore , parlargli piano perchè dalla voce trapelano le sensazioni che noi proviamo e che il cane, animale istintivo, riconosce, e poi si può accarezzare. -

 

Questa corsa mi sta rilassando : mi piace sentire le vibrazioni della moto e il contatto con lui, ancora non così vicino e diretto. Quando frena il mio casco batte sul suo e lui allunga una mano guantata ad accarezzarmi una gamba : al verde riparte . Quel gesto, come a rassicurarsi che ci sono, mi ha provocato un piacevole brivido .

Ancora poco, mi ripeto : ma mi sento tranquilla, serena, sicura ...

La strada ora dritta , prosegue lungo il canale limitato da lunghe canne , più in là, oltre il terrapieno, si estende la laguna : a sinistra della strada si intravedono all'orizzonte le montagne - solo nelle giornate limpide si possono ammirare così nitide e vicine - e questa inusuale vicinanza tra monti e mare m'appare come un segno . Il lontano a volte è solo un termine perchè e i sentimenti e le sensazioni oltrepassano ogni limite di tempo e luogo . E come l'aria pulita e limpida riesce a far apparire come vicino ciò che è - nella realtà - lontanissimo, così quello che provo - pulito e limpido nel mio cuore - ha legato e trasformato in vicinissimo - palpabile e presente- un rapporto razionalmente lontano e impossibile. Tutto quello che avverrà non mi può nemmeno scalfire: che lui decida se usare o no lo strangolo non ha assolutamente nessuna importanza.

Il gioco è un contorno, qualcosa che completa ma non indispensabile . Ho fiducia in lui e so che non mi farà del male.

Sento che rallenta : siamo arrivati a destinazione . Volta all'interno del parcheggio e il motore, dopo un ultimo ruggito, si spegne . Un momento per prendere respiro e poi scendo, mentre sistema la moto mi sfilo i guanti, tolgo il casco e aspetto ...

 

La sua presenza alle spalle è come una lenta, ultima tortura. Vorrei fermarmi un momento , rendere reale il desiderio , ma forse è meglio così : arrivare alla destinazione già decisa . Ma sentirla e non poterla toccare, non ancora : nemmeno aver sentito la sua voce, ho appena intravisto i suoi occhi . Potrebbe essere chissà chi, potrebbe essere qualcuno che ha preso il suo posto , per scherzo o per derisione. Mi fermo ad un semaforo e allungo una mano sulla sua gamba : anche con il guanto percepisco un fremito leggero e sorrido. Non può essere che lei . Il motore romba nella mia testa , un cupo rotolio che accompagna i miei pensieri . E inconsciamente accellero quasi a riavvicinare il tempo, l'ultimo ostacolo, l'ultimo vero ostacolo.

Noto appena la laguna che luccica alla mia destra e, stranamente, le montagne vicine a sinistra . Fossi solo avrei corso più piano per gustarmi il paesaggio, mi sarei anche fermato a respirare l'aria e riconoscere l'odore salmastro del mare che pizzica nelle narici .

Ma ho altri pensieri ... altri desideri. E non è quello di scoprire se ha indossato lo strangolo, come le avevo chiesto : forse è stata una richiesta stupida. Ora come ora vorrei anche solo stringerla tra le braccia, guardare i suoi occhi, ascoltare la sua voce , e poi ... zittirla. Sorrido tra me.

Vedo l'indicazione e rallento, mi infilo nel parcheggio e spengo il motore. La sento un momento esitare e poi scende .

Mentre sistemo la moto sento il cuore che accellera : mi sfilo in casco e mi giro verso di lei ...

 

 

Cerca nel sito

Pubblicazioni di Rosso Venexiano

     
           clicca sull'immagine 

Cerca un autore

Inserire uno o più nomi utenti separati da una virgola

Sono con noi

Ci sono attualmente 8 utenti e 40 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • sid liscious
  • leopold bloom
  • Reds
  • gatto
  • sapone g.
  • ferry
  • CosaSonoCosa
  • Bruno Amore