I dialetti campani | dialetto | Silvia De Angelis | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sfoglia le Pagine

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • AriannaM
  • Giulia29
  • Natural System
  • Sky2019
  • Laura Archini

I dialetti campani

[img_assist|nid=8866|title=|desc=|link=popup|align=left|width=131|height=200]La lingua napoletana influenza gran parte dei dialetti della Regione Campania, donandole, con la sua particolare cadenza, un fascino veramente esclusivo.
 
I vernacoli campani, infatti, rappresentano un'accurata variazione della
lingua napoletana, da cui si possono escludere il dialetto cilentano e quello irpino, che sono davvero un'eccezione.
 
Del resto, possiamo affermare, che i dialetti non sono una varietà linguistica unitaria, relativa ad una particolare zona geografica, ma
"un continuum" di molteplicità, dovuto a diversi motivi geografici, il cui fenomeno si definisce "variazione diatopica", come definito dagli studiosi della geografia linguistica.
 
 
‘E spingole frangese     di Salvatore Di Giacomo
 
Nu iornuo mme ne iette da la casa,
Ienno vennenno spingole frangese;
mme chiamma na figliola : - Trase, trase!
Quanta spingole daie pe nu turnese?-
E io che songo nu poco veziuso,
subbeto me mmuccaie dint’ a sta casa…
“Ah, chi vo’ belli spingole frangese!
Ah, chi vo’ belli spingolr, ah, chi vo’!...”
 
Dich’io : - Si tu mme daie tre quattro vase
Te dongo tutt’ ‘e spingole frangese!
Pizzeche e vase nun fanno pertose,
e può iènghere ‘e spingole ‘o paese.-
Sentite a me, ca pure mparaviso
‘e vase vanno a cinco nu turnese.
“Ah, chi vo’ belli spingole frangese!
Ah chi vo belli spingole, ah, chi vo’!...”
 
Dicette : - Core mio, chist’ è ‘o paese,
ca si te pròre ‘o naso muore acciso!-
E io rispunnette : - Agge pacienzia, scuse;
‘a tengo ‘a nnammurata e sta ‘o paese…
E tene ‘a faccia comme ‘e ffronne ‘e rosa,
e tene ‘ a vocca comjme a na cerasa!...
“A h, chi vo’ belli spingole frangese!
Ah, chi vo’ belli spingole, ah, chi vo’!...”
 
Questa canzone fu composta per la festa di Piedigrotta e musicata da Enrico De Leva; fu inclusa nel volume di Canzoni Napoletane (1895), riproposto come sezione dell’opera complessiva intitolata “Canzone”
 
T r a d u z i o n e
 
Gli spilli di sicurezza
 
Un giorno me ne andai da casa,
mi misi a vendere gli spilli di sicurezza;
mi chiama una ragazza : entra, entra!
Quanti spilli mi dai per un tornese? (mezzo soldo)
e io che sono un po’ donnaiolo,
subito mi ficcai in questa casa...
Oh, chi vuole belli spilli! Oh, chi vuole belli spilli!
 
Dico io se mi dai tre o quattro baci
ti do tutti gli spilli di sicurezza!
Pizzicotti e baci non lasciano il segno (proverbio napoletano)
e puoi riempire di spilli il paese.-
Datemi retta, anche in Paradiso
i baci vanno a cinque il tornese.
Oh, chi vuole belli spilli! Oh, chi vuole belli spilli!
 
Disse : Cuore mio questo è il paese,
che, se ti viene il prurito, muori ammazzato!-
E io risposi :abbi pazienza, scusa;
l’innamorata l’ho e sta al paese...
E ha il volto come petali di rosa,
e ha la bocca come una ciliegia!...-
Oh, chi vuole belli spilli! Oh, chi vuole belli spilli!

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 5 utenti e 1413 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • live4free
  • Aug94
  • ferry
  • Antonio.T.
  • Sara Cristofori