Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Rifugiata Poetica
  • Guglielmo Perfetti
  • Nefelia
  • Aug
  • Eternamente.Sofia

La soluzione

-A ma’ me so’ trovato un fidanzato
e me lo sposerò si ce riesco.
Domenica che viene co’ lui esco
così rimeddio un cinema e un gelato.
 
Quant’anni so’ che aspetto infino a adesso?
Avevo quasi perso la speranza.
Ma è dimostrato come la costanza
fa sì che s’arimeddia quarche fesso.-
 
-Uh, come so’ contenta! Ma, un momento:
prima che c’esci assieme te consijo
che pure si quer giovane è un bòn fijo,
come co’ ogni artro ciai da stacce attento.
 
Vedrai, te porta ar cinema, ar passeggio
e poi pe’ fratte. E lì vedrai, s’addopra
in ogni modo pe’ montatte sopra
-doppo addoprato l’arte der maneggio-
 
Te jelo dichi, chiaro come er sole
prima che lui te possa arza’ la vesta:
Guarda che io so’ ‘na regazza onesta
e fa’ ‘ste cose qua, mamma nun vòle.
 
Naturarmente si quer poveretto
te volesse da’ quarche strufinata,
quarche bacetto, te pure indignata
fatte attasta’, fattelo da’ er bacetto.
 
Perché tra fidanzati è naturale,
queste so’ cose che se sa, se fanno.
Ma nun te cala’ mai nemmanco un panno
che ar resto poi, nun vedo nisun male.-
 
Così che la regazza fu persuasa.                                          
Domenica arivò. E pe’ tutto er giorno
la madre pregustava già er ritorno.
E ecco che la fija entra pe’ casa.
                                                                                   
-‘Mbè, com’è annata?-  Je chiese de un fiato.
-E’ annato tutto come te m’hai detto:
m’attasta, poi me da quarche bacetto,
-naturarmente, doppo der gelato-
 
poi pensa che ‘st’infame farabbutto,
m’ha pilotata drento de ‘na fratta:
prima se sdraia, poi co’ me s’acquatta
e me smucina, propio dapertutto.
 
Come hai previsto te, ‘sto gran vassallo,
de tuttoquanto ‘sto smucinamento
che pensi, che bastò, che fu contento?
Tutto de un botto me montò a cavallo.-
 
-E te che hai fatto fija benedetta?-
-J’ho detto: De fa’ questo nun se pòle,
perché mi’ madre no, propio nun vòle.-
-E lui che ha fatto?-  -Lui m’ha detto: -Aspetta,
 
Si tu’ madre nun vòle  so’ pazziente.
Adesso sai che famo? Io pe’ me
posso anche scenne, però monta te
perché a mi’ padre nun je frega gnente!
 
 
 
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 5 utenti e 2459 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Marina Oddone
  • woodenship
  • ileana
  • leopold bloom
  • Eleonora Callegari