Tengo un grido notturno | Poesia | Ezio Falcomer | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Voce di vento
  • Giovanni Ferretti
  • Leelight
  • rimagliaversi
  • micetta

Tengo un grido notturno

Tengo un grido notturno
nella melma lavica
di umida sera,
calda e cherubina.
Tengo un virus
sinfonico ed etilico
nell'abecedario di aneddoti,
ai bordi del tavolo.
È che le balzane allegorie
fra consumati clown
si calano in una pozza
di fetida cancrena.
Un vuoto ci circonda
e ci abita.
Una radura 
abbandonata dall'Essere.
Trema il cielo
di nubi gonfie
di risentimento
e di sarcasmo pirata.
Che pace immeritata.
Che naufragio.
Portiamo ancora il cuore gonfio
degli accenni moribondi
di tutta questa
Storia
finita nelle discariche
e piovuta nei mari.

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 3295 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Antonio.T.
  • ferry