Fuorilegge, a volte, è proprio parola... "fuori (della) legge" | Lingua italiana | Fausto Raso | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Voce di vento
  • Giovanni Ferretti
  • Leelight
  • rimagliaversi
  • micetta

Fuorilegge, a volte, è proprio parola... "fuori (della) legge"

Prima di sederci davanti al computiere abbiamo indossato una pesante corazza per difenderci dagli strali che potrebbero arrivarci da qualche linguista (o lessicografo) se si dovesse imbattere in questo sito. Perché? Perché intendiamo parlare di una parola che, a nostro avviso, molto spesso è adoperata "fuori legge" (linguistica) e nessun glottologo o lessicografo condanna.
Vogliamo parlare proprio del termine "fuorilegge". Se apriamo un qualunque vocabolario alla voce in oggetto, leggiamo: «Sostantivo maschile e femminile, invariabile. Persona che opera al margine della società e come se la legge non esistesse. Bandito, delinquente». Quando il predetto sostantivo non si riferisce a una persona ed è adoperato come aggettivo con il significato di "illegale", "illegittimo" - a nostro avviso - va scritto in due parole "fuori (della) legge": i vigili urbani hanno sequestrato i tavoli 'fuori legge' (illegali). Quando si intende indicare la contravvenzione a una norma, insomma, i due vocaboli si staccano: un comportamento, una clausola 'fuori legge'. I vocabolari e le grammatiche non fanno distinzione alcuna. Ma tant'è.
 
Fausto Raso

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 12 utenti e 3219 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • gatto
  • ferdinandocelinio
  • erremmeccì
  • Anna Cervone
  • Ezio Falcomer
  • Hjeronimus
  • Antonio.T.
  • woodenship
  • webmaster
  • ferry