Scelti per voi

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Indaco78
  • Hera
  • Jessy
  • Claudio De Lutio
  • arjaroc

Ho in vestito un uomo, forse

 
 
Guardo il mio albero genealogico.
Nel polso osservo l’eternità a mia misura.
In tal modo
il pensiero percorre una strada più ricca
di incroci quanti mai se ne possano vedere
in una nazione, o in tutte,
ed io sono in giro da sempre; come sospetto,
intendo.
Nei crocicchi le direzioni si rafforzano,
ci confondono, transita vita, e sosta
in pochi centimetri per miglia di tempo,
ma permane una singolare agitazione
a tenerne conto.
Come in una laguna, il sangue è la corrente
di fondo. Trascina limi, canalizza visitazioni.  
Superficialmente emergono banchi di volti;
e lontani cromi,
congiunti, reggono il porporino solo dove toccano
la nostra storia profonda,
che senti - disse l’uomo che amai per primo -
ma racconti con il solo cognome, finché
anch’esso si perde in un incrocio, conquistato
dalle intimità dei corpi. Giustappunto, cerco
nel giacimento di nomi il minerale dei visi
sopravvissuti, riconoscibili i primi due
durante quel che duro.
A che serve? Per la salvaguardia del sangue
ridotta dell’osso.
 
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 12 utenti e 2094 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Don Pompeo Mongiello
  • Antonio.T.
  • Maria Rosa Cugudda
  • ferdinandocelinio
  • Giuseppina Iannello
  • Nievdinessuno
  • Emmad
  • Carlo Gabbi
  • Sara Cristofori
  • nickandclick