Amour | Poesia | ferdinandocelinio | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Voce di vento
  • Giovanni Ferretti
  • Leelight
  • rimagliaversi
  • micetta

Amour

Quando cominciammo a baciarci
le labbra sue, tremende ciliegie di metallo
diventarono come di fuoco
sformando le mie nostalgie decembrine.
 
L’amore si ferma alla finestra di sera
con la notte che cala giù
come castagne di piombo.
 
La lingua sfiora lembi di terriccio mescalinici.
Non è un vorticare, è un ricamare incosciente
 
Ma quanto ci amammo in quelle calde sere
D’agonia leggera, di calma complicità sussurrata,
cuore a cuore, come due insetti in una foresta misteriosa.
 
 
*
 
 
Scade affaccendandosi nell’oroscopo
la gaia miseria dell’uomo moderno.
Sotterfugi vacchiani, intrugli chiaraferragneschi,
e bocche zeppe di plastiche tappetino degli oceani.
Io sono l’anacronismo par exellence ,
il pigro disabile alla mercé delle parole,
e scrivo, con aria di vacua superiorità,
donando alla mia infelicità un minimo fremito.
Vorrei vivere dentro Midnight in Paris
o ritirarmi su una montagna come un Zarathustra
che non annuncia al popolo la sua profezia.

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 11 utenti e 3057 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Salvatore Pintus
  • Bowil
  • ferdinandocelinio
  • webmaster
  • vinantal
  • erremmeccì
  • sapone g.
  • ComPensAzione
  • live4free
  • Ezio Falcomer