Corteo funebre | Poesia | ferdinandocelinio | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Artemisia
  • Filo Bacco
  • Marco Galvagni
  • Giuseppina Di Noia
  • dante bellanima

Corteo funebre

La virtù della massa
Che tutta all’unisono
Si sposta
Per non intralciare l’auto
Che raccapricciante, allungata, nera-
Quasi un inentervallo tra il pomeriggio bianco e il sole
Prosegue dritta
Per la parallela del centro
Qualche occhio  la fruga,
l’occhio indiscreto di chi non medita
e ci sono cose incommensurabili nel tratto
apoteosi rituali che dalla grotta hanno raggiunto gli iphone
che vibrano, con cui i più disinteressati
mandano messaggi
Lì dentro, nell’auto, che cammina a passo d’uomo
C’è uno che non desidererà
Mentre la mia faccia, sudata,
non sa di chi è il privilegio.

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 2379 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Antonio.T.
  • ferry