A mia madre | Poesia | ferdinandocelinio | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Tanjun
  • Gabbo
  • Voce di vento
  • Giovanni Ferretti
  • Leelight

A mia madre

Regalami anche un pezzetto
del tuo malumore,
uno strascico di quella rabbia canina
che ti violenta le ossa,
quella perla d’amore
che hai nascosto
nella cassettiera di mio papà.
Regalami l’usura
delle carne e
la macchia di sigarette
che ti galleggia
sul lato sinistro delle labbra.
Il fiore della tua esperienza.
La tua disconoscenza della poesia.
Lo so, potrei essere
di gran lunga un figlio migliore,
con le mie vanità da poeta
e le grosse urla d’insofferenza
e follia che ti violentano
i meandri da madre sofferente.
Eppure abbiamo di che scontrarci, madre,
con il caos, adesso,
ora che la geometrizzazione passata
dei nostri progetti
s’è ridotta a misera linea spezzata
 senzadomani.
Ora che non c’è più buio
senza un pensiero a papà.
Se ti guardo
vedo tutta la contraddizione dell’arte,
qualcosa di sublime e di deforma,
tu, oh madre,
istinto di miseria e di grandezza
dentro il mio cuore speluccato.

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 8 utenti e 3163 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • sapone g.
  • live4free
  • Eleonora Callegari
  • Bruno Magnolfi
  • Salvuccio Barra...
  • luccardin
  • Grazia Denaro
  • Salvatore Pintus