Scrivo sempre la stessa poesia | Poesia | ferdinandocelinio | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Marco Galvagni
  • Giuseppina Di Noia
  • dante bellanima
  • Nicoletta
  • Kippax19

Scrivo sempre la stessa poesia

Scrivo sempre la stessa poesia
e me ne compiaccio.
Perché c’ho i piccioni di Venezia
che cagano spruzzi sulla mia agonia.
E sorrido, arido e piatto
come un concerto dei Pooh.
Se Hannah Arendt mi vedesse
credo che mi definirebbe
come il popolo tedesco.
Perché sono rincoglionito,
 vecchio e lamentoso.
E  faccio odore di focaccia sgualcita.
Ma voi leggete
che è un bel leggere.
Così mi gonfio come un ramarro.
 
 
*
 
 
Soffro talmente tanto
da sentire nello sgocciolare del lavandino
gli stridori dell’inferno.
Ci sono cose come il vizio
che mi tengono compagnia.
Lo sfizio. La diabolicheria.
Eppure ho dei tratti angelici
nel mio carattere così irrisorio.
Mi dissipo come le piante
e penso ai buchi neri, al reef.
alle montagne rocciose.
Il fatto di non essere cresciuto
è la mia rovina.
Divorato tutto.
Strappato e reso lo zimbello la sacralità.
Eppure vivo.
E questo basta.
 
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 7 utenti e 1443 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • taglio avvenuto
  • Livia
  • vinantal
  • RobertoM.
  • webmaster
  • ferdinandocelinio
  • Eleonora Callegari