scelti per voi

 
 Autore del mese: alvanicchio_Girolamo Savonarola
 
 Perle di Agosto
 
miglior commento: Un'allucinazione propria di chi, amante di una stagione, non vede l'ora che questa dispieghi tutto il suo fascino e incanto.  di woodenship

Login/Registrati

Concorso fotografico “L'estate è dentro di te”

Commenti

Nuovi Autori

  • Irene Navarra
  • amcozza
  • lorenzo amadei
  • Raffaele Battista
  • giuseppe1000

Caleidoscopio (ci sono notti)

Ci sono notti in cui raccattare pezzi di me
sparsi sul deserto di un cuscino annichilito,
inseguendo i più riottosi, i più giocherelloni
che danzano ironici flirtando con il vento,
è esercizio doloroso e alquanto improvvido.
 
Nemmeno un barman provetto aduso
a miscelare cocktail creativi e sapidi
sarebbe in grado col suo magico mixer
di ricompormi in una versione potabile.
Riottosi, dai bordi taglienti, sfuggono
all’assemblaggio sottraendosi abilmente
a ogni logica e attesa collaborazione.
A fatica il destro roteare amalgama i pezzi
nel tentativo d’offrire una forma decente
alle labbra dell’indecente quotidianità.
I più indocili, i più avversi e bellicosi
disertano l’adunata coatta e si rifugiano
sul cuscino, lucide tessere vibranti, atomi
bastian contrari nel melting pot della vita.
 
Ci sono notti in cui raccogliere queste briciole
è esercizio doloroso ma seducente, nell’ottone
della fantasia, le ansie a far da tappo e lenti,
con gli occhi appesi al soffitto, rincorro forme
geometriche per dar senso a una notte illogica.
 
Antico gioco, il caleidoscopio.
 
Ore e ore a roteare il fantastico tubetto nell’attesa
che anarchici pezzetti di vetro colorino di stupore
il giovane cuore che cessato l’abito della pudicizia
lascia scampoli di variopinta gioventù accatastati
senza alcun ordine e ritegno agli angoli della vita.
 
Ci sono notti in cui neanche il sesso è porto sicuro,
non riesco a ricreare di me una versione passabile
ormai i pezzi dai bordi consunti, dai colori sbiaditi
hanno perso la precisione e smarrito il percorso
si rincorrono, si accoppiano in insane disarmonie.
 
Un mazzetto di tessere taglienti ora ammuina,
allegro si colora gira e ruota nella sarabanda
che scompone e ricompone la mia immagine,
sul cuscino la macchia di sangue ferisce l’attesa.
Rincorrere pezzi di me in una notte asincrona,
rivestita d’insonnia, è esercizio azzardato e letale.
Potrei mettere insieme un’immagine accettabile
di quest’arlecchino che alberga nel mio cuore,
ma ho paura che se ne vada, insalutato ospite.
 
Mi tengo il caleidoscopio. Vuoto, però.
 
 

Cerca nel sito

Pubblicazioni di Rosso Venexiano

     
           clicca sull'immagine 

Cerca un autore

Inserire uno o più nomi utenti separati da una virgola

Sono con noi

Ci sono attualmente 15 utenti e 68 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • erremmeccì
  • roberto caterina
  • webmaster
  • alvanicchio_Gir...
  • Hjeronimus
  • ferry
  • emmad
  • Mattié Crisantoi
  • lorenzo amadei
  • Giuseppina Iannello
  • luccardin
  • leopold bloom
  • augusta
  • taglioavvenuto
  • Weasy