Appicciche 'e core | dialetto | Giovi55 | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Giuseppina Di Noia
  • dante bellanima
  • Nicoletta
  • Kippax19
  • Claudio Spinosa

Appicciche 'e core

Si vulesse da retta 'o core, saje quanta fessarie avessa fa!
Nun putesse abbada' a nniente: avessa sulo rirere e pazzia'.
Ma j' nun 'o stongo a ssentere. Spisso stongo distratta. 
Isso se vulesse vennere, ma j' 'nun me ll'accatto.
Spisso po' succede ca senza vule' m'ô scordo. 
Si m'ô putesse vennere 'o darria pe quatte sorde. 
Quanno po' stà 'e ggenio, addeventa 'nu carabiniere: 
se 'mponta, se 'ngrogna e m'attacca mane e piere.
Se mette llà 'e mme ponta: se 'ngrifa e po' m'affronta. 
'Sta vota però ggiuro, cu mmico 'nun c'â sponta. 
Meglio ca 'nun ce penso, asinò m'ô straccio a pietto. 
Ma quanno 'o maldratto, se mette a fà 'e dispiette!
Lievete annante a ll'uocchie, bello cureciello mio, 
asinò te faccio 'ntennere, chi sì tu e chi songo j'! 
Ma che stongo dicenno: è stato sultanto 'nu sfogo. 
Perduoneme si puó core: emozioneme n'atu ppoco...
Giovanna Balsamo

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 5 utenti e 1642 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • ferdinandocelinio
  • Rinaldo Ambrosia
  • luccardin
  • Marina Oddone
  • Bowil