Chianto nustalgico | dialetto | Giovi55 | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Artemisia
  • Filo Bacco
  • Marco Galvagni
  • Giuseppina Di Noia
  • dante bellanima

Chianto nustalgico

'Sti rrecchie mie sentene suna' troppe note stunate,
pure 'e cchitarre chiagnene: se so' tutte scurdate.

'A città d'ê puete, 'e ll'artiste, d'â pizza sta murenno,
p'â 'nfamita' d'â ggenta disonesta sta sparenno.

'Sta Napule sta affunnanno: ll'ammanca 'o respiro,
'nun se vede cchiù: ll'hanno cuperta 'e fummo niro.

'O gigante buono, 'o Vesuvio c'ô parco nazionale:
ha pigliato fuoco cu ll'aucielle, ll'arbere e ll'animale.

Perfino 'o munno oramaje pare ca s'è sfastediato,
pur'isso p'â granda arraggia s'è tutto arravugliato.

'E tiempe ca suspiraveme guardanno 'e llampare,
'a gente s'emozionava sparanno 'o ffuoco a mare.

Ce 'ncantaveme a guarda' 'a linea 'e ll'orizzonte,
c'appassiunaveme a ammira' 'o sole ca tramonta.

'Nun se ghieva 'e pressa, se rispettava 'a tradiziona:
dint'ô buvero se faceva 'o cippo e 'sant'Antuono!

'Nun era comm'â mmò: ma ch'è chesta schifezza:
stanne appiccianno 'a ggente 'nsieme 'a munnezza!
Giovanna Balsamo

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 5 utenti e 2382 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • live4free
  • RobertoM.
  • luccardin
  • Antonio.T.
  • Poeta Errante