Ll'acqua | dialetto | Giovi55 | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Voce di vento
  • Giovanni Ferretti
  • Leelight
  • rimagliaversi
  • micetta

Ll'acqua

Sò ll'acqua ca leva 'a sete e sciacqua sanghe malato.
So' ll'acqua ca te bive quanno nun sì ancora nato.
So' sporca si sto' appantanata e 'ntosseco si so' 'nquinata.

So' chella ca scenne 'a cielo e addò nuote ll'estate
So' duttile, plasmabile e sempe mm'adatto.
Me piglio tutte 'e fforme e traso e ghiesco a dinto 'e bbuatte.

Te lavo, te purifico e levo macchie 'e sudore.

Pulezze 'ndumente ca 'mprufummano 'e lavoro.
Dinto 'e mmente criative addevento acqua surgiva.

So' fforte, putente trasparente e primmitiva.

Alluvione, esondazione mme fanno faticà.
Songo talmente chiena ca me sento 'e 'nfraceta'!

Vulesse regnere sempe cundutture e cisterne.

Là mme 'nfezzasso e desse 'a bere pe ll'eterno.
'Nvece abboffo puzze addo' nun ce stà capienza,

dongo a bbevere mente povere e prive 'e cunuscenza.

'O posto 'e dissetà chi tene sete e s'è assiccato,

votto acqua dint''e tterre ca stanne già annacquate.

So' ssete 'e sapienza, pe chi tene 'na cuscienza,

però disseto pure chi tracanna onniputenza!
L'acqua e' necessaria e 'nce ne vò overo tanta,

ma fosse assaje chiù bello, sì bevesseme tutte quante!

Traduzione

L'acqua

Sono l'acqua che ti disseta e sciacqua sangue malato.

Sono l'acqua che bevi quando non sei ancora nato.

Sono sporca se sono impantanata e intossico se sono inquinata.

Sono quella che scende da cielo e dove nuoti d'estate.

Sono duttile, plasmabile e sempre mi adatto.

Prendo tutte le forme ed entro ed esco dalle buatte.

Lavo, purifico e tolgo macchie di sudore.

Pulisco indumenti che profumano di lavoro.

Nelle menti creative divento acqua sorgiva.

Sono forte, potente, trasparente e primitiva.

Alluvione,esondazioni mi fanno lavorare.

Sono talmente piena che mi sento infracidire.

Vorrei sempre colmare condutture e cisterne.

M'infilerei lì e darei a bere in eterno.

Invece riempio pozzi dove non c'è capienza,

dando a bere menti povere e prive di conoscenza.

Anziché dissetare chi ha sete e si è seccato,

vado ad irrigare terre già annaffiate.

Sono sete di sapienza per chi ha una coscienza,

però disseto pure chi tracanna onnipotenza.

L'acqua è necessaria e ce ne vuole davvero tanta,

ma sarebbe molto meglio se bevessimo tutti quanti.

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 9 utenti e 3186 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Bowil
  • ferdinandocelinio
  • ComPensAzione
  • Nievdinessuno
  • ferry
  • abcorda
  • sapone g.
  • Sara Cristofori
  • live4free