'A malaparola‏ | dialetto | Giovi55 | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Artemisia
  • Filo Bacco
  • Marco Galvagni
  • Giuseppina Di Noia
  • dante bellanima

'A malaparola‏

'A malaparola te sazia. E' semplice, 'stintiva.
E' bella, curaggiosa. Nunn'è accussì cattiva.
 
Guaje si 'nun ce stesse, s'avessa 'nventa'.
'Nu grande vaffanculo te serve, ce pò sta.
 
'A vvote si te scappa 'nu bellu mm''e scassato.
Quanno ce vo' ce vo'. Nun me pare 'nu reato.
 
Si staje sfastediato e nun vuò pensa' a nnisciuno,
comme scassapalle, 'o truove sempe coccheduno.
 
Pure n'amico pò essere assaje scassacazzo.
Nunn''o vaje certo a dicere."Nun me scassa' 'o pupazzo."
 
Merda, palle e strunzo sò parole d'ordinanza.
Fanne parte d''o curredo. E' pe rappresentanza.
 
Ognuno dint''a sacca, oppure dint''a vorza,
se nne porta appriesso 'nu paro pe succorso.
 
Pecchè a 'nu certo mumento durante 'a jurnata,
'na bella malaparola va sempe cunsignata.
 
Succere quanno staje dint''a machina e uno te surpassa.
Quanno 'o supermercato faje 'a fila 'a cassa.
 
Quanno tuorne 'a casa e truove dinto 'a cassetta,
guaje, pubblicita' e tre o quatte bullette.
 
Parole e maleparole t'aiutano 'a campa'.
Je 'e ddico quanno capita. "Ma vaffanculo và."

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 3 utenti e 2230 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Antonio.T.
  • erremmeccì
  • Salvatore Pintus