Scelti per voi

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Indaco78
  • Hera
  • Jessy
  • Claudio De Lutio
  • arjaroc

'O pate

Nun t'aggio maje visto chiagnere: m'addimannavo 'o pecchè.
Ll'uocchje tuoje erene spiecchie, addò mme putevo vede'.

Mane 'mpurtante 'e pate, mme cunfurtavene 'e turmiente,
si tu mme dicive:"nun t'agità, ca nunn'è niente!"

Facive ll'aquilone cu 'nnu piezzo 'e carta e 'na matita.
Centenara 'e foglie pe ll'aria, se bbevevene 'nu surzo 'e vita.

'Na varchetella 'e carta, mme purtava dint'â munne 'ncantate.
Pe poste scanusciute e pe strade nove m'he purtato.

Quanta porte chiuse e strade scassate aggio 'ntuppato,
e tu mme stive sempe affianco: zitto facive 'o pate.

Crescenne me so' fatta aveta e tt'aggio superato,
ma chiù mme facevo grossa e tu cchiù stive accasciato.

'Nun m'aggio allamentata quann'avive bisogno 'e me
ero felice, mme senteve forte: te puteve mantene'.

Mo', sì mme sento 'mpaurita e spaisata,
mm'arricordo tutt'ê llezione, ca tu mm'ê 'mparate.

Allora pigljo chella vecchia e 'ngialluta fotografia,
addò felice stamme abbracciate tu e j'.

M'astregno 'mpietto e apprimma d'â nserra' dint'ô cassetto,
me rileggo chella dedica: 'a papà cu ggrande affetto.
Giovanna Balsamo

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 12 utenti e 2091 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Don Pompeo Mongiello
  • Antonio.T.
  • Maria Rosa Cugudda
  • ferdinandocelinio
  • Giuseppina Iannello
  • Nievdinessuno
  • Emmad
  • Carlo Gabbi
  • Sara Cristofori
  • nickandclick