Scelti per voi

rosso venexiano
 
 Autori consigliati: 
 
 
 
 

 
 
 

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Leonora Lusin
  • cucu
  • Manuel Crispo
  • solealleotto
  • marieaime

'O scuorno

Chi toglie i diritti non prova vergogna. Chi accetta che gli vengano negati i propri diritti non si vergogna. Nessuno si vergogna più: questa è la vera vergogna...

'O scuorno

'Na vota 'o scuorno teneva 'a faccia soja:
'nun appena 'o 'ncucciave te n'accurgive!
Quale viso tene mo': 'nun ce stà traccia.
Tenarra' forse a forma 'e 'nu currivo?

'Nu tiempo 'o scuorno teneva 'nu volto speciale:
era assaje cchiù aggarbato e regolare.
Certo quacche piccolo spigulo ce steva:
'nu spacchetiello ca a stiento se scurgeva.

'O vedive ca cammenava rasente 'e mure,
annascuso addereto 'e llastre scure.
'Nun steva 'ncoppa 'e ffeneste affacciato,
a spurca' 'e niro 'a faccia 'e uno o 'e n'ato.

Zuppechiava poco, spisso senza ragione:
ma nisciuno 'o considerava n'eccezione!
Quanno 'o scuorno teneva 'na morale,
se sapeva scarta' 'o bbene d'ô mmale.

Se facevene riga' deritte 'e disoneste
e se purtava annanze 'a ggente onesta.
Quanno capitava 'o tipo brutto e malamente,
te n'accurgive c'avive a cche ffà cu 'nu fetente.

S'avessa arrapi' 'na granda scola,
addò a ogneduno se 'mparasse ll'onestà.
'Nfaccia 'o purtone se mettesse 'na scritta,
ma c'avessa stà ll'obbligo a lla frequenta'.

'Na scola ca desse a tutte 'na licenza
e furmasse perzone oneste e d'eccellenza.
Putesse sempe capità ca tutt'attuorno,
'a ggente accumminciasse a pruva' scuorno.
Giovanna Balsamo

Traduzione

La vergogna

Una volta la vergogna aveva una faccia sua:
quando la vedevi subito te ne accorgevi!
Quale viso ha ora: non c'è traccia.
Avrà forse la forma di una cosa che fugge?
Una volta la vergogna ci appariva con un
volto speciale: era molto più garbata e regolare.
Certo qualche piccolo spigolo c'era:
uno spacchetto che a stento si scorgeva.
La vedevi camminare rasente il muro,
nascosta dietro le lastre scure.
Non stava alla finestra affacciata,
a sporcare di nero la faccia di uno o di un altro.
Zoppicava poco, spesso senza ragione,
ma nessuno la considerava un'eccezione!
Quando la vergogna aveva una morale,
si sapeva dividere il bene dal male.
Si facevano rigare dritti i disonesti
e si portava avanti la gente onesta.
Quando capitava un tipo brutto e malandato,
te ne accorgevi che avevi a che fare con un
fetente.Si dovrebbe aprire una grande scuola,
dove ad ognuno si insegnasse l'onestà.
Sul portone si metterebbe una scritta,
ma dovrebbe esserci l'obbligo di frequenza.
Una scuola che ti desse una licenza
e formasse persone oneste e d'eccellenza.
Potrebbe sempre accadere che tutt'intorno,
la gente cominciasse a provare vergogna.
Giovanna Balsamo
Currivo: cosa insolita o insignificante (che scorre, fugge, ecc.)

Cerca nel sito

Calendario 2017 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 5 utenti e 1173 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • ileana
  • Fabrizio Giulietti
  • gatto
  • Antonio.T.
  • ferry