Pasta e ffasule | dialetto | Giovi55 | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • AriannaM
  • Giulia29
  • Natural System
  • Sky2019
  • Laura Archini

Pasta e ffasule

Pe cucenà 'e fasule comm'a Ddio cumanna, 
s'ha dda tenè nu poco vascia 'a fiamma.
Appriparate a pparte 'a nzogna tagliata fine: 
facite strisciulelle comme fossere tagliuline.
Po' tritate 'o ssedano, 'a cipolla, 'a carota
e ammescate bbuono cchiù 'e na vota. 
A pparte arrusulate nu spicchio 'e aglietiello 
e frevitele cu nu filo d'uoglio 'int'ô tianiello.
Po' 'int'â ttutto chello c'avite spezzettato, 
mettitece nu cuppino 'e bbroro appriparato. 
Ntanto ca 'a tavola sta già apparicchiata, 
'int'e fasule nfezzatece 'a pasta ammiscata.
'O fasulo è modesto: nun è comme 'o sartù, 
ma si 'o cucine bbuono te po' pparè raù. 
Fra tanta piatte putesse essere isso 'o rre, 
ma nun s'ha dda esagerà; vuò sapè pecché?
Pecché 'o fasulo è nu poco scapestrato:
parla spisso e senza essere cumannato. 
È ssimpatico, bello e cchino 'e sustanza
però si te n'abuse so' ddulore 'e panza.
Si te ne faje nu piatto bello chino chino,
miette d'accordo 'a capa e ll'intestino.
Cu 'e fasule nun spare na vota ogni ttanno;
si t'hê magne spisso faje festa tutto ll'anno!
Giovanna Balsamo

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 2031 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Antonio.T.