Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Mattia Rubino
  • Diamante78
  • paola lobaccaro
  • Far Arden
  • Valentinapimpola

'A primmavera

Aggia fa ambressa: me ll'ero quase scurdato. 
È trasuta a primmavera. Quanto so' smemorata. 
Corro me 'ntrattengo, po' fujo a ccà e a llà. 
M'aggia sape' scegliere tutt'ê tonalità.
Ddoje rose, 'na margherita, 'nu paro e lillà. 
'Na cerasella rossa p'â vocca ce po' sta. 
Ciure 'e campo servene p'appripara' 'o curpino. 
Foglie e llampune vermiglie ce vonno p'ê nastrine.
'Nu poco 'e grano jonno serve pe fà 'a curona. 
Quacche felille d'evera: crero ca ce sta bbuono. 
'Nu merlo pe fa 'o nido se vene a servi' ccà. 
Se piglia 'na frunnella: 'o nido ll'adda fa!
Aggio cusuto 'st'abito ornannolo 'e lustrine. 
Mo' ce faccio 'na passata 'e rugiada mattutina. 
Dint'â nu foglio 'e nebbia c'avevo annascunnuto, 
c'appojo 'o vestitiello ca è già bello fernuto.
- "zitte: s'è scetata. S'è misa ll'abetiello. 
Sta tutta appriparata. Ma comme pare bella! 
Va zumpanne ncopp'â ll'arbere fra 'nu ramo e n'ato, 
mentre ce cunzegna farfalle e ciure 'e prato.
Comm'è bella 'a primmavera quanno pitta e da culore. 
Pure 'e rrondine 'ncielo se mettene a fà ammore.. 
Mentre ce levamme a cuollo 'na cuperta cupa e scura: 
alleramente 'nce scartamme tutt'ê rjale d'â natura.
Giovanna Balsamo

Cerca nel sito

Calendario 2017 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 3 utenti e 1979 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Giuseppina Iannello
  • Antonio.T.
  • ferry