Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Fuochino
  • Vito Marco Giuseppe
  • Fabio Como
  • Volto di luna
  • numerouno

'A storia 'e Rusenella

'A storia 'e Rusinella
Quanno nascette 'o sole 'e ffemmene 'e tutte 'e ccittà,
se vestettene a ffesta, pecchè ognuna s'ô vuleva spusà.
'E ffigliole cchiù giovene se scummigliajene e zzezzelle
e se 'mbellettajene 'o viso cu pagliuzze e stelletelle.
Ce fuje chi appicciaje 'o ffuoco, chi 'mbiancaje 'a luna chiena,
chi sunaje 'o viulino, chi imitaje 'o canto 'e 'na sirena,
Sulo Rusella era rimasta dint'â n'angolo appartata:
steva dispiaciuta assaje, 'nun era stata 'nvitata.
'A figliola chiagneva, vuleva partecipà pur'essa 'a festa:
accussì cercaje oggette 'e lusso dint'â 'na larga cesta.
Ma 'nun ce steva niente ca se puteva prestà a ll'uso:
Rosa truvaje sulo scarpe rotte e guante cu 'e purtuse.
"Figurammece si 'o sole accussì bello pensa a mme!"
Ripeteva triste e scunsulata riflettenne fra sé e sé.
Però 'nu juorno succedette 'nu fatto assaje curiuso:
'o sole a ll'alba se scetaje triste e 'nu poco addiruso.
A 'nu vacillo, tanta povere d'oro abbascio facette cadè,
a Rusinella se 'mbrillantajene 'e capille e 'o decolletè.
Comm'era bella Rusella tutta ricuperta d'oro!
'O sole vedennola se sentette 'e scuppià 'o core!
Scennette 'ncopp'â a terra, 'a mana e Rusella se vasaje,
pò tutto raggiante dint'â 'na casa 'ncielo s'ha purtaje.
Da allora 'o sole e Rusella fanno ammore mmiezo e stelle:
ogni quatte mise danno vita a cculurate criaturelle.
A vvierno nascene mele, pere, arance, noce 'e limone,
ll'estate schioppene 'e rrose e tutte 'e frutte d'â passione.
'O mese 'e Maggio ll'aucielle 'ntonene cante d'ammore
e Rusella bella, già 'ncurunata riggina, addeventa ciore...
Giovanna Balsamo
Traduzione
La storia di Rosinella
Quando nacque il sole le donne di tutte le città,
si vestirono a festa, perchè ognuna voleva sposarlo.
Le ragazze più giovani si scoprirono il seno
e si imbellettarono il viso con pagliuzze e stelline.
Ci fu chi accese il fuoco, chi imbiancò la luna piena,
chi suonò il violino, chi imitò il canto di una sirena.
Solo Rosella era rimasta in un angolo appartata,
era molto dispiaciuta: nessuno l'aveva invitata.
La ragazza piangeva: voleva partecipare alla festa,
così cercò oggetti di lusso in una larga cesta.
Ma non trovò nulla che si adattasse all'uso.
Rosa trovò solo scarpe e guanti con i buchi.
"Figuriamoci se il sole così bello pensa a me!"
Ripeteva triste e sconsolata, riflettendo fra sé e sé.
Però un giorno accade in fatto assai curioso.
Il sole all'alba si destò triste e un po' adirato.
Da una bacinella tanta polvere d'oro giù fece cadere,
A Rosinella si imbrillantarono i capelli e il decolletè.
Com'era bella Rosella tutta ricoperta d'oro.
Il sole vedendola si sentì scoppiare il cuore.
Scese sulla terra e la mano di Rosa baciò,
poi tutto raggiante in una casa in cielo la portò.
Da allora il sole e Rosella si amano fra le stelle,
ogni quattro mesi danno vita a colorate criaturelle.
D'inverno nascono mele, pere, arance, noci e limoni,
d'estate sbocciano le rose e tutti i frutti della passione.
Il mese di Maggio gli uccelli intonano canti d'amore
e Rosella bella, già incoronata regina, diventa fiore...
Giovanna Balsamo

Cerca nel sito

Calendario 2018 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 2712 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Rinaldo Ambrosia
  • Marina Oddone