Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • emanuele
  • Emma Di Stefano
  • Bowil
  • Juliobaf
  • ietus

Dedicata al mio sposo

... E perché non tradissi
le emozioni,
sembravi, a volte, perso...
Distaccato...
Ma rispondevi a
un cenno del mio cuore
e sorridevi,
mi chiamavi: “Amore...”
 
Tu sorridevi,
sia ci fosse il sole,
sia col pallido cielo.
 
O, il nostro cielo...
come fu diverso!
Ritornano
le ambrate passeggiate
al sol d'autunno,
ai pie' del colle,
quando, nel silenzio,
mi prendevi per mano
e mi dicevi:
“Ascolta...”
 
Ritorna come prima,
perché, ci amiamo tanto;
lo sento dal tuo cuore,
sempre vicino al mio:
se non ci sono figli
e, nemmeno, nipoti,
c'è sempre un gatto perso
che chiede solo
amore.
 
Quanti momenti belli,
quanti momenti amari...
Soviemni un triste giorno:
io stavo male:
sentivo una radice
staccarsi dal mio cuore;
volevi confortarmi,
volevi darmi amore...
 
Schiudevi il balconcino,
siccome, sempre fai:
 
s'offriva alla tua vista,
un fiore delicato,
una pallida rosa,
tremula...
Eppur, fiorita.
 
Allora...
mi hai chiamata;
risposi:
“Vuoi dirmi qualche cosa?”
 
Muovendo le tua mano,
mi hai detto:
“C'è una rosa...
 
È pallida,
tremante,
ma è pur là: fiorita.
 
Il suo respiro lieve,
è un ritorno alla vita...
 
È tua madre:
la vedi?”

Cerca nel sito

Calendario 2018 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 5 utenti e 2072 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • ferdinandocelinio
  • Bowil
  • luccardin
  • stegiobat
  • numerouno