Le conversazioni dei miei genitori | Prosa e racconti | Giuseppina Iannello | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Artemisia
  • Filo Bacco
  • Marco Galvagni
  • Giuseppina Di Noia
  • dante bellanima

Le conversazioni dei miei genitori

Papà soleva ad ogni suo risveglio, parlare con la mamma dei tempi giovanili… Ed io, che udivo dal lettino accanto, scoprivo la sensibilità di entrambi alla poesia.
“O dolci baci, languide carezze...” La gioventù che fugge era quel tema, sul quale puntualmente, la mattina, si ritornava. Papà le proponeva il più bei testi, che incontravano il gusto della mamma: “Rondine al nido...” la cantavi sempre… la canteresti anche stamattina? La mamma rispondeva: “Finché ho voce la canterò, ch’è tra le mie preferite.”
Cresciuta, un po’, durante la giornata anch’io partecipavo: “Mamma mi canti quella canzoncina che parla di una fata e di un cavaliere.” Ed ella rispondeva: “Volentieri.”
 
“Dove vai, dove vai fatina bruna…
Io vado all’acqua per bere e cucinar…
Io vado all’acqua per bere e cucinar…
Me lo dai, me lo dai, un bicchier d’acqua?”
“Io non ho tazze, ne cighere e bicchieri
per dare a bere a voi, cavalier.”
 
“È molto bella, mamma...” Ed anche, lei, sentiva il mio trasporto in quel mondo fiabesco, ove le fate hanno gli occhi incantati dei bambini.
Poi le dicevo: “Mi sovviene ancora, quella che parla di una fata bruna.” Mia madre sorrideva e cominciava:
“Piccola fata bruna, sulla laguna di stelle d’or…
Pallida già la luna, ma il suo balcone non s’apre ancor…
Dorme Venezia a sera… un cuor che spera con ansietà.
L’ultimo gondoliere ti canterà…
Oilì, oilà… Andiamo in gondola.”
 
Mamma, ricorderò: mentre cantavi, vedevo nei tuoi occhi un ciel di stelle, e l’incarnato eburneo… E i tuoi capelli.
La tua bambina ti chiede un favore: “Potresti continuare?” “Riprendo il filo ascolta:
 
Festa del Redentore…
stasera è bello, l’amor
pensar…
Metti lo scialle d’oro
so che il mio cuore ti vuol parlar…
Oilì, oilà…
Andavo in estasi.”
 
tratto dal mio libro: "Uno smeraldo tra l'azzurro".

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 3 utenti e 2446 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • ferdinandocelinio
  • ferry
  • ileana