Visione | Poesia | Giuseppina Iannello | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • BruceBialo
  • Ugo Marchi
  • AriannaM
  • Giulia29
  • Natural System

Visione

Eran belli i tuoi capelli
che tremavano nel sole,
che fuggivano gli errori,
sempre intenti al professore.
 
Un cancello tra le rose
si schiudeva innanzi a noi;
tra il respiro di ogni cosa,
ti baciai senza parole.
 
D’improvviso apparve
un ponte;
sormontava quel quadretto
e la vidi, la casetta
tra gli ulivi e il bergamotto.
 
“Professore,
ho perso il tempo…
io non so cosa mi accada;
ti ho pensato in riva al mare
e ti penso ovunque vada.
Ho tradotto le frasette,
ma non oso
andar lontano…
 
Se ho sbagliato,
ciò che ho detto,
puoi correggermi, ti amo.”
 
Nota esplicativa:
In questo brano come in molti altri, mi immedesimo nel ruolo del poeta G.Pascoli, professore di Lettere Latine. Si parla di un amore tra il docente e la sua studentessa.
La studentessa nell’esprimere il proprio parere, sui nostri progenitori, gli antichi Romani, si era un po’ confusa… e candidamente aveva criticato il Latino, ritenendolo difficile da tradurre per la lunghezza “estenuante” dei periodi. Il Professore, rimprovera la fanciulla, con aria severa e le fa capire che la lingua Latina è semplicemente armonia delle parole e, quindi, musica. Questa poesia è un idillio, una storia d’amore tra il professore e l’allieva.

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 2436 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Bowil