Turne' na vote | dialetto | sapone g. | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Tanjun
  • Gabbo
  • Voce di vento
  • Giovanni Ferretti
  • Leelight

Turne' na vote

Guardaàje citte a notte ,nivre
u vent pàrete ch'è spiccète
nun s'arròbbete cchiù
addòre d’accie e vassiicore
di’nte i graste de buatte
frunne nun s'annechene
tutt dormete stunète
Na voce nda nu fiète
s'arrambchete da nna ddrupe
vòote supre ll'irmici
s’assettete vicin a me e cant
‘dd na terra lundene e suue
d’acqua sant e terra tosta
e jè citt citt e quète mi ci ngànde
R’viggh ll’occhie nd’a sta citta e penz
agghia turnè na vote
primm ch’a morte venete
e ‘m portete cchiu luntene
 
 
 
La traduzione non rispecchia mai fedelmente, ma meglio di niente.
 
 
 
 
Guardavo in silenzio la notte,nera
il vento sembrava essere finito
non ruba più l'odore di sedano e basilico
dentro i vasi di buatte(secchi di lamierino contenitori di alimenti)
le foglie più tenere non si dondolano
tutto dorme stordito
una voce dentro un fiato
si arrampica da un dirupo
vola sopra i tetti
si siede vicino a me e canta
di un paese lontano e solo
di acqua santa e terra dura
ed io zitto zitto e quieto mi c'incanto
Risveglio gli occhi in questa citta e penso
devo tornare una volta
prima che la morte viene
e mi porta più lontano

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 14 utenti e 3113 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Rinaldo Ambrosia
  • webmaster
  • Eleonora Callegari
  • vinantal
  • gatto
  • Antonio.T.
  • alvanicchio_Gir...
  • Silvia De Angelis
  • sapone g.
  • Hjeronimus