? | Prosa e racconti | sid liscious | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • AriannaM
  • Giulia29
  • Natural System
  • Sky2019
  • Laura Archini

?

Cominciamo?
«Ok!».
Allora overture.
Overture e preludio soffice, soffice e... 
E subito minuetto.
Minuetto ed adagio.
Ed adagio e minuetto.
E minuetto ed adagio.
Benissimo, è il momento del rondò.
Non troppo a lungo comunque, di nuovo andante.
Ed allegro a seguire.
In do maggiore clarinetto!
In re minore violino!
In si bemolle lei signor fagotto!
E nel mentre m'irrompano nell'aria, di serenata, il gigue e la passacaille.
Mi raccomando è importante la passacaille.
Sì sì così, en movement.
Ecco nel mezzo del vivace mi s'inseriscano un presto, un largo ed un grave.
Ora però di nuovo minuetto.
Piano piano, adesso ancora adagio.
Wow direi... 
Direi proseguiamo di toccata.
Magari preparandoci alla fuga ovviamente.
Un notturno?
Un arabesque?
Una riverie?
E perché no?
In fondo... 
In fondo non stona mai un intermezzo.
Cui subentrerà una bourréè in suite per esaltarne una precisa melodia, naturalmente.
E lei mister flauto non mi faccia il moderato.
Con moto.
Con moto perbacco.
La marcia funebre è prevista più tardi dal programma.
Che l'allegro diventi brillante di spirito dunque.
Ed il vivace maestoso.
Dobbiamo introdurre la promenade in tarantella che conduce all'imponente conclusione.
Ottimo ottimo il contrappunto monsieur pianoforte.
Via via tutti insieme, una fantasia, il minuetto, il rondò.
L'incalzante serabande finale è in atto e... 
Ed è trionfalmente finita l'improvvisazione.
Uff.
Uff, uff che sudata e che faticaccia bensì, bensì sono contento.
Parecchio contento.
Stavolta infatti mi sento proprio d'aver finalmente vergato quella che mai in passato mi riuscì.
Una prosa classica.

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 2214 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • taglioavvenuto
  • Rinaldo Ambrosia