scelti per voi

rosso venexiano
 
 Autore del mese: norastella
 

 Perle di Ottobre

 
miglior commento: La poesia è istinto, ma anche cesellatura, come uno scultore che lucida la sua opera, così il poeta sperimenta fino a raggiungere l'armonia tra anima e parola. di ComPensAzione

Login/Registrati

Concorso fotografico “L'estate è dentro di te”

Commenti

Nuovi Autori

  • Emmad
  • serdirup
  • Pseydein
  • Americo
  • Pia Finotti

Il poema schietto

Bassi fondali.
Grattacieli.
Grattacieli e bassi fondali.
Puttane e squali.
Froci.
Froci squali e puttane.
Un toro sventrato.
Sangue e budella.
Orecchie ed alluci.
Unghie lucenti.
Rossetti splendenti.
Parrucche roventi.
Ed una giraffa bruciata.
E la cadillac.
Continuo?
Va bene va bene continuo.
La tossica negra.
Lo spacciatore cinese.
Il garzone cingalese.
E grappa e canne.
E canne e grappa.
E glande su clitoride e peli di palle su sfintere e scroto su lingua.
Una birra d'asporto?
Come no!
Prego accomodatevi signori siamo nel luogo in cui il boa fabbrica le sue reali allucinazioni.
Dove il coccodrillo le raccoglie e le colleziona piatte mattonelle sull'asfalto.
Ed ove la polizia passa ed osserva interessata.
Oh santo cielo all'appuntato piace il frocio Frank.
Al frocio Frank piace il passeggero.
Ma il passeggero quando deve pisciare non ha nessuna preferenza.
S'infila in qualche cesso e ciò gli basta.
Non ha grandi attenzioni riguardo ai dettagli.
Per lui gli effetti sono il valore aggiunto mentre la droga che li provoca è ininfluente.
Andiamo che aspetti dunque Billy?
Batti.
Batti con forza.
Nessuno t'ha chiesto di condividere il punto di vista però tu facci male e non sbaglierai mai.
Un indovinello?
Scusi?
Scusi mi saprebbe dire cosa s'è portato via il deportato?
La sua cella non è vuota bensì in loco non manca niente.
La soluzione?
Altri animali sgozzati liberi ovviamente.
Prevalentemente tacchini e faraone.
E topi che cercavano contaminazione copia incolla iniettandosi il loro sangue.
La prova definitiva?
Il distributore di preservativi che langue senza clienti.
Meravigliosamente egli illustra parecchie suicide coscienze sulla via del scegliere di coscienza.
La vita è Dio.
Se le credi non hai bisogno di protezioni.
Se ti proteggi non le credi.
Che filosofia è questa?
Facile.
La del prete.
Si sbatte nel culo il bambino sbavando e sudando perché può... momentaneamente... non credere in Dio coltivando una convinzione spassionata verso la confessione.
Pertanto non importa se nel frattempo il suo sperma felice feconderà odio e rancore.
E diventerà in ciò un vero e proprio missionario.
La chiesa è la nonna della globalizzazione.
La progenitrice di tutte le luride troie costei e del possibilismo integrale.
«Ho una certa fiducia su quello che io e te faremo insieme” disse il papa al Cristo nella grotta.
«Le annusi mio signore le fragranze di fogna entrare nel tombino che da sopra arieggia l'inferno?
Sì?
Bene benvenuto in paradiso allora.
È qui che si va di corpo.
Lassù dove stavi invece era la terra.
Il noioso posto in cui la merda ha perso la sua battaglia». 
   
 

Cerca nel sito

Pubblicazioni di Rosso Venexiano

Alessia di Raffaele Piazza
Alessia di Raffaele Piazza

Cerca un autore

Inserire uno o più nomi utenti separati da una virgola

Sono con noi

Ci sono attualmente 11 utenti e 73 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Gigigi
  • amcozza
  • alvanicchio_Gir...
  • Hjeronimus
  • webmaster
  • selly
  • giuseppe pittà
  • ComPensAzione
  • ferdigiordano
  • erremmeccì
  • leopold bloom