scelti per voi

 
 Autore del mese: alvanicchio_Girolamo Savonarola
 
 Perle di Agosto
 
miglior commento: Un'allucinazione propria di chi, amante di una stagione, non vede l'ora che questa dispieghi tutto il suo fascino e incanto.  di woodenship

Login/Registrati

Concorso fotografico “L'estate è dentro di te”

Commenti

Nuovi Autori

  • amcozza
  • lorenzo amadei
  • Raffaele Battista
  • giuseppe1000
  • clabert2014

Questi scritti valgono il prezzo del biglietto 10

Natale Natale!
Mi hanno detto che in Islanda non ci sono gli insetti.
<Ti credo Cosmo col freddo che fa>.
Ma è una sfortuna sai per gli islandesi Natale.
Quando viaggiano non essendo abituati sono costretti ad odiarli... e pieni di odio e risentimento non possono stare bene ed adattarsi in nessun altro posto che non sia casa loro.
<Cavolo magari l'Islanda nel corso delle ere ha radunato tutti coloro che odiavano gli insetti per natura... ed ora i discendenti si vedono delle porte sbarrate "geneticamente" e non capiscono in che maniera>.
E che tu sappia Natale in Islanda esistono i dialetti?
<È piccola Cosmo non so... e ci sono poche persone Cosmo...
perché dici?>.
Se fosse sarebbe una contraddizione enorme Natale.
I dialetti servono per imprecare dolore o lamentele rabbiose o stupore stupefatto nella tua originale lingua madre Natale.
E si ripresentano puntuali nei momenti in cui vieni sorpreso svelando di per cui la nascita della reazione più spontanea libera ed incondizionata tua possibile... ma...
ma senza insetti che ti pungono traditori si riduce di molto la possibilità di incontrare codesta situazione... ergo ecco dimostrato quanto sarebbero inutili i dialetti nel caso ci fossero.
E non la vedrei una gran scelta da parte degli islandesi la medesima... qualora appunto ci fossero.
<Rimangono parecchie altre sorprese comunque nella vita Cosmo.
Non hanno nemmeno i serpenti la tigre o gli scorpioni però qualche vulcano qua e là ed il problema del convivere ed altre cosucce non mancano>.
Allora mi rinfranco Natale.
Non sta così tanto piccola l'Islanda e non sono così tanto pochi da doversene preoccupare gli islandesi.
<E sia dunque Cosmo caso chiuso.
Rimane unicamente l'interessante questione dei dialetti aperta.
Mi fa immaginare come si dovrebbe sentirsi a stare in pochi in mezzo a pochi>.
È difficile stare da solo in due tre Natale.
Riesce parecchio meglio nella moltitudine.
<Per quello ti dicevo Cosmo.
Invece gli islandesi subiscono indifferenti un difettino di fabbricazione dovuto alle condizioni del luogo in cui sono nati o delle deviazioni causate da paranoie risiedenti... da padrone... in coloro che li hanno generati... e non dicono niente.
E non reagiscono decisi ed uniti al che probabilmente mi viene da pensare usano ognuno un suo proprio dialetto.
Incredibile>.
Te la dico un'intuizione apparsami or ora Natale?
<Sentiamola Cosmo>.
Mi somigliano giusto a dei matti gli islandesi Natale.
Giusto a dei matti.
 

Cerca nel sito

Pubblicazioni di Rosso Venexiano

     
           clicca sull'immagine 

Cerca un autore

Inserire uno o più nomi utenti separati da una virgola

Sono con noi

Ci sono attualmente 12 utenti e 48 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • erremmeccì
  • voceperduta
  • Sara Cristofori
  • ferry
  • leopold bloom
  • Mattié Crisantoi
  • Fabrizio Giulietti
  • lorenzo amadei
  • augusta
  • ComPensAzione
  • Ezio Falcomer
  • Anna Cervone