Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • emanuele
  • Emma Di Stefano
  • Bowil
  • Juliobaf
  • ietus

Vorrei tu una volta fossi gentile, pensassi ai cunicoli della relatività.

 
 
Ricordi quando ti scopriii allo stato ancora di larva
tenera
pallida, tremante, ai primi raggi od ultimi a febbraio
Venivi, tu dalle coste dell'Atlantico
pioveva qui, un acquazzone
pioveva sul salice piangente
rintanata tra le increspature gialle oro; giocavi spaventata.
 
Dissi: - Non ti mangio. Diventerai per me un cibo del futuro.
Con te tue amiche, v’alzerete in volo. Le brassiche
Le lascerete dove cadranno e ci
Pizzicheremo nelle pieghe
dentro, fuori le attaccature, le scapole. Sul collo.
 
C'insaliveremo
 
Forse da noi nascerà, Amore, dalla nostra fame, dai nostri tremiti spossati, un ibrido.
 
Chissà!

Cerca nel sito

Calendario 2018 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 3 utenti e 2369 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • sapone g.
  • ferdinandocelinio
  • Antonio.T.