Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Airone
  • Felice Di Giand...
  • Antonio Mario
  • Poeta Errante
  • FarfallaBlu93

Un sogno/ A Dream

Una volta un sogno tessé un'ombra
sul mio letto protetto dall'Angelo:
era una Formica che s'era persa
sul prato dove mi sembrava di giacere.
 
Turbata, confusa e infelice,
sorpresa dal buio, stanca del suo andare,
sopra un ramoscello aggrovigliato,
con il cuore spezzato la sentii dire:
 
"Oh, i miei piccoli! Piangono? 
Sentono il padre che si lamenta? 
Prima guardano lontano per capire, 
poi tornano e piangono per me".
 
Commosso, cominciai a lacrimare;
ma lì accanto vidi una lucciola,
che rispose: "Chi si lamenta e
chiama il guardiano della notte?
 
Io son qui per illuminare la terra,
mentre in giro se ne va lo scarabeo:
segui adesso il suo ronzio;
piccolo vagabondo, affrettati verso casa."
 
 
 
 
 
 
 
Once a dream did weave a shade
O'er my Angel-guarded bed,
That an Emmet lost its way
Where on grass methought I lay.
 
Troubled, 'wilder'd and folorn,
Dark, benighted, travel-worn,
Over many a tangled spray,
All heart-broke I heard her say:
 
"O my children! Do they cry?
Do they hear their father sigh?
Now they look abroad to see,
Now return and weep for me".
 
Pitying, I dropp'd a tear;
But I saw a glow-worm near,
Who replied: "What wailing wight
Calls the watchman of the night?
 
I am set to light the ground,
While the beetle goes his round:
Follow now the beetle's hum;
Little wanderer, hie thee home".
 

Cerca nel sito

Calendario 2018 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 7 utenti e 2164 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Rinaldo Ambrosia
  • Marina Oddone
  • sapone g.
  • ferdinandocelinio
  • Bowil
  • voceperduta
  • live4free