William Shakespeare - Thy gift, thy tables, are withing my brain/ Sonetto 122 - | RV International | gesuino curreli | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Sfoglia le Pagine

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Laura Archini
  • Artemisia
  • Filo Bacco
  • Marco Galvagni
  • Giuseppina Di Noia

William Shakespeare - Thy gift, thy tables, are withing my brain/ Sonetto 122 -

Thy gift, thy tables, are within my brain
Full character'd with lasting memory,
Which shall above that idle rank remain
Beyond all date, even to eternity;
Or at the least, so long as brain and heart
Have faculty by nature to subsist;
Till each to razed oblivion yield his part
Of thee, thy record never can be miss'd.
That poor retention could not so much hold,
Nor need I tallies thy dear love to score;
Therefore to give them from me was I bold,
To trust those tables that receive thee more:
To keep an adjunct to remember thee
Were to import forgetfulness in me.
 
William Shakespeare
 
 
 
 
 Il dono tuo, il quaderno, e' dentro la mia mente

scritto tutto in memoria imperitura,
che assai piu' durera' di quelle vuote pagine,
oltre ogni termine, fino all'eternita'.
O almeno fino a che la mente e il cuore
avranno da natura la facolta' di esistere,
finche' al labile oblio non daran la lor parte
di te, il tuo ricordo non potra' cancellarsi;
quei miseri appunti non potrebbero tanto contenere
ne' mi occorre un registro per segnare il tuo amore;
per questo ho osato dar via il tuo quaderno,
fidando invece in quello che meglio ti riceve.
Il tenere un qualcosa che serva a ricordarti
equivarrebbe a ammettere ch'io so dimenticarti.

 

Sonetto su ‘e 122

 

Su donu tuo, su cartolariu,

lu tenzo ‘en’ imprimidu  intro sa mente

e det durare pius, eternamente,

de sas paginas boidas a su contrariu.

O nessi fin’ a cando mente e coro

dent aere unu suspiru in custa vida,

o finas chi a s’olvidu issoro ischida

non dent mantenner sa memoria tua,

de te s’ammentu inoghe eternu durat;

ne diant bastare sos pagos appuntos

a narrer it'intendo intro su coro,

ne unu registru mannu a cifra d’oro

pro m’ammentare appena sos reassuntos;

est pro cussu chi deo mi so attrividu

a che dare su cartolariu tuo,

fidende chi in errore non bi ruo

dendeti a chie est attesu dae s’olvidu.

Si mi bisonzat signu a t’ammentare

est a narrer chi deo ti poda ismentigare.

 

Gesuino Curreli

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 3 utenti e 3172 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • live4free
  • luisa tonelli
  • Antonio.T.