Login/Registrati

Commenti

Piazzetta virtuale

 agorà

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Nadia C.
  • Cercatore di co...
  • Ezra blacke
  • Speranza2017
  • Byba

Blog

Lamento palustre

 

E va bene così fammi a fette
consumami nei tuoi rendez vous
mangiami col chili o come che vuoi tu
sono nato da una farfalla inquieta
da una giumenta che mordeva la prateria
che non conosceva altra via
che questa

io vado a farmi un goccio
noiosa è questa sera
in braccio al destino
me ne vado in un locale di Berlino
a sentire che aria tira

sbadiglio ad ogni appuntamento
mi gratto guardando Via col vento
la noia è una cosa che ti prende
e ti stropiccia qualunque cosa accada
la troia ti porta via con sé

non sono più pratico di questo posto
sono indaffarato come un ladro
a cercare oasi di ristoro

è che a un certo punto
si smanetta a vanvera sui nostri ghirigori indestinati
sui nostri casi andati di macerie
a chiederci il perché di questo ossigeno
da chi viene e che cosa è

io ladro rubo il mattino ansimando sul marciapiede
ombre intravedo fantasmi orfani di fiabe
donne indurite da tutte le contrade di questo mondo
postini che dimenticano le vie
radici fuori tempo e storie già rubate prima del refrain

non sono più pratico di questo mondo
voglio andare a pescare in una baia remota
dondolarmi in un’amaca
con per compagni aracnidi, crostacei e anellidi
granchi bisunti di palude

non sono più pratico a divertirmi dove
enigmi e mostri e libri non ce n’è
dove tutto è passato al tritacarne
dell’ubriaca maniaca ovvietà.

 

 

(dicembre 2007, dalla raccolta in pdf  RivediesisterePoesie2007-2009.

L'Albatro

Sovente, per vile trastullo, gli uomini d’equipaggio
spezzano il libero volo dell’albatro, solenne uccello del Mare,
mentre segue, indolente compagno di viaggio,
il vascello che naviga sopra le profondità amare.

Ma, ecco, l’hanno soggiogato sulle penose palanche,
questo Re dell’azzurro, ora goffo e gli occhi dimessi,
che lascia misero le grandi ali bianche
trascinare come inservibili remi accanto ad essi.

Questo viaggiatore alato, com’è confuso da se stesso espulso!
Così bello innanzi, ora è grottesco e solo!
Chi con la pipa stuzzica il becco al pellegrino avulso,
chi, zoppicando, mima lo stroncato suo splendido volo.
   
Il Poeta è questo principe dei Nembi Eterni
che vive la tempesta e se la ride dell’arciere;
esule sulla terra in mezzo agli scherni,
le ali di gigante gli impediscono d’incedere.

Antonio Ragone (Rielaborazione da Charles Baudelaire : “Les fleurs du mal”)

Da "L'isola nacosta" Ed. Akkuaria 2007

Voglio tè

200411141314030.chamomiletea1
 
 
Sereno, nella tazza
galleggi e ondeggi
sorridi al gineceo
infuso giallo giallo (per me)
e la bustina del tè

Respiro attimi

 

Image Hosted by ImageShack.us
.
Ogni tanto mi piace rovistare
in quei luoghi dove l’adesso non mi concede di tornare
e mi lascio allora trascinare
in quel vortice accaldato
che mi fa ancora emozionare.
 
Sulla scena respirata a menadito
l’allora assaporo sul presente
sul tuo sguardo che mi veste come guanto sulla pelle
sulle labbra tue introverse
bianco e nero sulla chiacchiera degli occhi.
 
Accattivante è lo splendido sorriso
che legna secca aggiunge
sulle fiamme della voglia
non bisbiglia tenerezze al chiar di luna
ma notti estreme deste e grida di passione.
 
M’incendio dentro al rogo del tuo sguardo
tra polpastrelli e labbra di piacere oscillo
tra il ruvido che le mani col pensiero afferrano
e l’umido tepore della tua bocca
nettare prelibato per il gusto.
 
tiziana mignosa
10 2009

Pensieri

Gli stati d’animo
che mi attraversano
sono del tutto nuovi
precari, sfuggenti e mutevoli
come le onde
di un mare inquieto.

La mia meta sembra fuggire,
disperdersi fra le nebbie
e fra occhi sconosciuti.

Franco

Vecchi grammofoni

 

ti lascio agli angeli

"ti lascio agli angeli
o alle rondini
in quella traiettoria
in quelle corti
io non ci riesco
io sono malamente vivo
riesco a sollevarmi
come appena un pesce
soffocante
tu non stai bene qui
e io non ti trascino più
come fossi un monumento
il costume del mio amore"

L'Ultimo Velo, fiaba scritta ed illustrata da Antonella Iurilli Duhamel

Tutti erano lì a chiedersi: “Perché? Leggi tutto »

E nulla domandiamo.

Regaliamoci
solo
carezze,
senza
pretender
certezze.
Sogno
di doni
e non
di perdoni,
dicendomi:
vivi leggero!
Se è
di librarci
insieme
destino,
ben venga.
Senza
mai
mano
che
l’ali
dell’altro
tenga.
Senza
che
sia firma
un ti amo,
avanziamo.
E nulla
domandiamo
a noi
anime fresche
di libero volo.
A.
 

due righe ...

 
La luce del mattino,
la corriera che passa vuota,
il  prestinaio nel suo pane
appena sfornato,
mentre la notte ci lascia,
ed il giorno nasce.
I pensieri  che dopo il loro vagare
nei mondi dei  sognatori
vedono la luce della realtà.
Una caffettiera sbuffa, il profumo  del caffè,
i soliti due biscotti.
È  l’ora della verità , le porte si aprono
come  il cielo dopo le nuvole grigie
di un temporale.
Ho imparato a vestirmi da solo!
 
                              Amfortas
 

Cerca nel sito

Calendario 2017 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Ebook su Amazon

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 2069 visitatori collegati.