Login/Registrati

Commenti

Piazzetta virtuale

 agorà

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • emanuele
  • Emma Di Stefano
  • BOWIL
  • Juliobaf
  • ietus

Blog

Ricorda com'eri bravo.

Ci siamo guardati un giorno
meglio dire forse che sei stato tu
ero altrove in quelle ore.
Non hai visto però l'assenza mia
mi hai trovata là dove ero finita
e  neanche sapevo che mi cercavi.
Non arrabbiarti ora
se ti pare di non trovarmi
dove credi io debba stare.
Ricorda com'eri bravo
a scovarmi quando ero nascosta
anche a me stessa.

La piccola commedia delle ombre.

 
(Tre ombre che non hanno notti
dispongono il loro manto nero sugli occhi del cielo.
Le nuvole non vedono dove
e piove ovunque.)
 
Prima Ombra
- Io fui tale finchè il sole
sguainò i suoi raggi
e uccise il mio cavaliere antico
ma non il suo cavallo.
Vivo galoppando sulle spade
ed ho ferite ai piedi.
 
Seconda Ombra
- Io fui tale finchè la lampadina
degli occhi
mantenne sguardi sui fogli
e mi produsse un abile poeta
perso alla ricerca di una rima.
Vivo descrivendo onde ai mari
ed ho ferite in bocca.
 
Terza Ombra
- Io fui tale finchè un fuoco
divampò nel cuore di un tiglio
innammorato della serpe verde
poi l’alba l’incupì
e il tasso morse la serpe nell’anima.
Vivo di pelle in pelle descrivendo amore

Legai un cavallo ad un raggio di luna

 

Legai un cavallo ad un raggio di luna
ma il cavallo fuggì
solo perchè ebbe paura.

Legai una barca
ad una foglia d'erba
e la barca andò via
ma solo perchè non amava la laguna.

Legai un amore
ad una pozza d'acqua piovana
ed è ancora li
perchè non ha bisogno di nodi
per durare ancora.

Forse perchè

                                           Un'altra poetessa del mio corso : 
Forse perché il tempo
Scorre lento lungo
Le rotaie del destino
Io non distinguo
Il dolore dalla gioia,
ma vado incontro
al mio debole futuro
nell’effimera certezza
che tu ci sei, o amore,
per indicarmi col tuo sguardo
il sentiero lungo il quale
far correre le mie gambe stanche,
per andare là dove potrò
sconfiggere la noia mortale
e risentire insieme a te la gioia,
il dolore, l’amore.
Svegliare la mia amina spenta
e adagiarla fra le tue braccia
e lentamente correre,
senza più cadere,
nella calda tana,
dove l’inverno
non imbiancherà più il giardino
del mio cuore stanco.
 
                      Lucia Giongrandi
 
 

IL PAESE DELLE PAROLE

C’era volta, tanto tempo fa, un paese che si trovava sul cucuzzolo di una montagna lontana lontana.
Il sole appena sorto lo illuminava di una luce brillante accendendo di bagliori tutti i fili d’erba bagnati di rugiada, e la sera al tramonto rifletteva la sua calda luce sui vetri delle finestre per augurare una buona notte agli abitanti e con la promessa che sarebbe tornato all’alba.
D’inverno, anche quando c’era la nebbia, il piccolo paese si svegliava sempre al sole. Un bianco mare di soffici nuvole si stendevano ai suoi piedi, dando agli abitanti la sensazione di potervi camminare sopra.
Dovete sapere che era un paese davvero speciale: i suoi abitanti erano composti di pensieri.
Avevano sì un corpo, ma non era una cosa solida e fissa, era come una immagine olografica, Avevano un aspetto umano, ma dentro non scorreva sangue, scorrevano parole pensieri, idee.
Quando uno era arrabbiato, infatti era di colore scuro e cupo perchè così erano i suoi pensieri. I bambini erano sempre di colori pastello perchè i loro pensieri erano allegri e fantasiosi.

lLA DONNA CHE NON AVEVA TEMPO

C’era una volta una donna che non aveva tempo.
Non aveva mai tempo per fare le cose che le piacevano.
Aveva deciso che, nella vita, avrebbe fatto prima le cose che erano necessarie e doverose e, a un certo momento, avrebbe smesso e si sarebbe presa tutto il tempo per fare le cose che le piacevano davvero.
 
Abitava in una casetta bassa, in cima ad una montagna. Da lassù si vedeva il mare. Le sarebbe bastato poco tempo per prendersi una sedia e guardare il sole tramontare. Dalla sua casa, si vedevano le navi attraccare al porto.
 
Dio regalava dei tramonti fantastici su cui fermarsi.
 
Al tramonto, il mare diventava di cristallo e le barche che galleggiavano sembravano fiori di ninfea dentro uno stagno.
 
Poi il cielo diventava arancione e giallo, e cambiava il colore del mare, regalandogli sprazzi di luce che si rincorrevano tra un’onda e l’altra. Quando, poi, il sole si tuffava nell’acqua, il cielo diventava rosso e gli sprazzi di luce, come bimbi assonnati, si acquetavano e si addormentavano tra le onde.
 
Pian, piano, diventava più scuro; si accendeva Sirio, la più luminosa, e poi  arrivava la Luna, che si dondolava nel cielo aspettando che si accendessero tutte le altre stelle.
 
Ma la donna che non aveva tempo non si fermava mai a guardare. Tanto sapeva che c’era ogni giorno un tramonto e poi, quando avrebbe avuto tempo, li avrebbe visti tutti.
 

Ad una piccola poesia irrequieta

povera piccola, senza ali per volare
nata settimina con grande difficoltà
ora nessuno ti dona un po’ d’amore
nessuno ti capisce questa è la verità

senza più timori, ricusa lo sconforto
lacrime non servono, usa indifferenza
piccolo vascello giunto in questo porto
del mare superando ogni turbolenza

se non sei amata, non pietire amore
spiega ora al vento le tue piccole vele
altri porti attendono chi sa cos’è il dolore
lì troverai rifugio dalle troppe ragnatele

io non ti seguirò, ti guarderò andare
felice fino in fondo di averti dato fiato
nonostante tutto so ancora navigare
ma in questo porto l’ancora ho gettato
 

piccola storia di soprusi e frullatori

ghost train - daniel j. mounsey

 

attraverso l’occhio del mio paradiso
come in un lungo treno che odora di fantasma
deponendo in un unico blocco il destino
e le armi migliori
mentre urlo di una certa personale follia
gli ultimi fuochi del disastro
contando in un unico blocco di soluzioni
le antiche contrade della storia di tutti noi
e le invincibili armate
di un pensiero già bello e spezzettato e defunto

oggi
è ora di gelato di crema e cioccolato
sogno di una difficile arte di mettermi fuori dall’oscurità
che è una galleria senza barriere che proteggono
e pertanto pronta a ricevere il crollo dei massi
oggi
è ora di ottime caramelle al miele di te
che sei la linea di demarcazione tra tragedia e dramma
forse oasi di abbracci discontinui
ma ottima pozione sulla strada della disfatta
perché oggi
sei tu che governerai l’antica prospettiva di vittoria
in un ideale di torta al mascarpone
con nocciole e noci tritate finissime
ma mai a polvere di fragilità
tu con le spatole del miglior pasticciere
montando tuorli d’uova dallo sguardo abulico
che sanno riaccendersi alla gaiezza di un forno ventilato
di questo oggi
senza moribondi e senza guarigioni miracolose
negli albumi che diventano neve fresca
delle splendide capacità del gusto
in guarnizioni colorate a festa
di farci noi ancora più felici
e sognatori

attraverso le stelle del mio unico pezzo di cuore
come provando la velocità del fantasma sulle rotaie
negli alambicchi del purgatorio
e nei conforti delle caldaie in fiamme
spaventando me stesso e tutte le fragranze della nobiltà
in questa fucina dove i fabbri invocano gli dei
e decidono le sorti della battaglia
in questa macchina della verità dove stritolo i poteri
e decido da me le strade del disinteresse
e del disimpegno dalle grandi manovre
giocando per l’ennesima volta con gli ingredienti
preferendo le bombe caloriche
agli orrori della potenza bruta
dei muri divisori
  Leggi tutto »

NOTTE D'ESTATE

Quando la luna accende
Tutte le luci del bosco
Quando ogni insetto si arrende
Alla carezza del buio
Ogni rumore si perde
Tra fili d’erba argentati
I grilli intonano
Dolci canzoni d’amore
La musica porta lontano
Tristezza e malinconia
E l’anima si libra
nell’aria come una foglia nel vento
Il pensiero si accende come faro nel buio
I sogni si schiudono
Come corolle nel sole
E imprigionano
Ricordi con invisibili ragnatele
A volte scorrono lacrime
A lavare l’anima
E quando l’alba arriva
E si riaccende il sole
Accolgo con un sorriso
Ogni nuovo giorno
 
Caterina saias

Istantanee d'autunno

Sono foglia sottile nell'ultimo volo
  Lascio un ramo che mi diede vita
Plano e volteggio in cerca di vento Leggi tutto »

Cerca nel sito

Calendario 2018 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 3194 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • numerouno