Login/Registrati

Commenti

Piazzetta virtuale

 agorà

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Ricciolineri
  • Tenerezza
  • mini.me
  • MariettaTow
  • Penelope Callio...

Blog

Per questo t'amo

amore.jpg image by Ale1777

Per questo t'amo Leggi tutto »

Baita...

Fata

Le note melodiose del flauto di Pam
per l'aria si spandevan.
Vestita solo di mughetto,
danzava al chiarore di sorella Luna,
il viso accarezzato da una lunga chioma,
di fine seta bruna.
Al capo portava una stella
dai riflessi di luce smeraldina.
Regina dei boschi era
l'eterea fanciulla,
dolce, leggiadra, bellissima fata,
io me ne innamorai
e non l'ho più lasciata.

E se ne vanno

E se ne vanno via
come gabbiani verso il mare aperto
a cercare lontano un'isola da abbracciare.

E se ne vanno via
come nuvole bianche verso monti e colline
ad avvolgere i prati e accarezzare i pini.

E se ne vanno via
come uccelli dai nidi accoglienti e caldi
verco cieli sereni liberi infiniti ...

... e te ne vai via anche tu
con tutti i sogni e le speranze
i ricordi e le certezze

senza voltarti indietro a guardarmi
un'ultima volta.

LACRIME

Cammino per la strada
mentre piove;
non mi riparo,
rimango inerme.
Le luci della strada attorno a me
disegnano una sagoma sull'asfalto bagnato.
I miei occhi, lucidi,
fissano il vuoto.
E piango,
quando le lacrime sul mio viso
si mescolano alla gocce di pioggia, su di me.

ridatemi le ali

non erano grandi, facevo brevi voli
erano perfette per sentirsi meno soli
quando alla notte tiravo mattino
dormivano al mio posto, lì sul cuscino

le avevo forgiate con cera pregiata
da api regina per me preparata
piume di cigno di bianco splendente
mi alzavano in volo in un istante

il sole era amico non recava offesa
così mi libravo anche senza difesa
e se nella notte parlavo alla luna
di giorno volavo, era la mia fortuna

di colpo sparite non le ho più trovate
sul mio cuscino addormentate
nel sonno rubate le han portate via
mi mancano tanto eran la mia poesia

occhi di ghiaccio

come lampo che prelude al tuono
il suo sguardo mi ha attraversato
non c’é tempo per il perdono
dell’inganno che ho consumato

ora interrogo con occhi muti
l’indovina che mi sta accanto
forse lei che gli amori vissuti
ha goduto e non ha mai pianto

saprà darmi la spiegazione
del mio essere sempre in ritardo
della mia stupida convinzione
di resistere anche al suo sguardo

non si può in tutta ragione
baloccarsi con la propria sorte
e poi reggere senza emozione
ai suoi occhi di ghiaccio, la morte

e per anni ho creduto davvero
che il tempo passato invano Leggi tutto »

l'algoritmo

algoritmi di tempo si alternano
tra fughe e ritorni
caselle nere e rosse
disegnate sul cuore

vento
che cambia continuamente direzione
irrequieto
non sa dove andare

vai
vieni
sparisci
ricompari
mentre io immobile
aspetto
per colorare
un nuovo quadratino
in questo algoritmo del cuore

sguardi

sguardi ansiosi di occhi velati da liquidi cristalli
rimandano immagini di volti dispersi tra la folla
l’attesa di te finisce nel tempo che intercorre
tra la malizia del verde di due occhi di giada
e il nero fuoco del mio sguardo che li incrocia

ora si asciugano le lacrime represse per ritegno
l’amore dimentico è perso nel volger di un attimo
come in un gioco di specchi che si riflettono
così occhi diversi raccontano una nuova storia
dove l’attesa dura solo il cenno di uno sguardo

Eros by night

il 24 - 25 e 26 settembre sul sito  (tag: eros by night)

Cerca nel sito

Calendario 2018 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 7 utenti e 2946 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • ferdinandocelinio
  • leopold bloom
  • Nievdinessuno
  • Ezio Falcomer
  • Carlo Gabbi
  • stegiobat
  • luisa tonelli