Login/Registrati

Commenti

Piazzetta virtuale

 agorà

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Lunachiara
  • cuoreinfranto
  • Valentina Gatto
  • teresa mancini
  • Loryincerti

Blog

Scherzetto o dolcetto?

sospeso nel buio soffice e soffocante
pupille dilatate per lo sforzo immane
la ricerca della luce provoca dolore
affogo lentamente nella nera bambagia

chiarore traballante come lume di candela
proietta sul muro ombre inquietanti
la nenia stridente giunge agli orecchi
l’acre odore di zolfo affoga le narici

il sabba è iniziato io ballo nonostante
la nenia mi prende, mi ammalia, mi strega
Halloween è tornato e per una notte
gli incubi e le streghe saranno padroni

non ho la forza di sottrarmi al gioco
neanche la voglia, ad essere onesti
dimentico di tutto il buio mi inghiotte
torno bambino, “scherzetto o dolcetto”?
 

Baci di carta

Ah quanti baci di carta
ti ho dato mia musa.
quante frasi d’amore
ti ho scritto
ti bacio...
ti bacio...
ti bacio...
quanti fogli di carta
di rime amorose
ti bacio...
ti bacio...
ti bacio...
quanti baci
baci di carta
ma quando ti bacio ?
quando davvero ?
tu sei
la mia rivoluzione
quando apriamo il fuoco
mia musa ?
                  Renato Finotti

Le tue labbra

Labbra, le tue labbra
che sfioro con le mie respirando il tuo respiro.
(Lingue che danzano assaporandosi).
Labbra, le tue labbra
sulle mie ancora mille e più volte
Labbra rosse, turgide e bagnate
che esplorano i sensi con sospiri spezzati.
(Piacere trattenuto e carne impaziente).
Labbra, le tue labbra
umide di saliva e lacrime
dolci come le fragole e salate come il mare
Labbra, le tue labbra
dove sono morto e rinato
infinite volte.

Franco

Contrasti d'autunno

Ti cerco

Ti cerco
ti cerco ovunque ed anche oltre
ti cerco sulla mia stessa immagine
nei miei occhi
nei pensieri e nelle mie parole
ti cerco per le strade
ed anche tra quelle che non percorro
ti cerco tra la gente che conosco
e tra sconosciuti che neppure guardo.
Ti cerco nel mio letto e nei miei sogni
nei miei giorni e nelle mie notti
ti cerco tra il vento e tra la pioggia
ti cerco sulla neve candida e pura appena posata
sulle barche ferme al porto
e su quelle che vanno per mare.
Ti cerco nello sguardo di un bambino
tra il sorriso di mia madre
nelle sue carezze e sul suo seno
ti cerco tra gli Angeli del cielo
e sugli altari delle cattedrali Sante
tra le campane a festa e la gioia di una sposa.
Ti cerco nell’azzurro del cielo di primavera
e tra un prato di papaveri rossi
ti cerco sulle valli, sulle alture e sui monti
ti cerco alla sorgente
lungo il corso e alla foce di un fiume
che bacia il mare.
Ti cerco e semplicemente ti trovo:
sei presente sempre nel mio cuore!

immagini come memoria

di Odo Tinteri

fuori dal copione

fuori dal copione
 
impietrita
bloccata
con la bocca
spalancata
non
farlo
non
provarci
mai più
è forte
il gelo
dentro
adesso
non cambiare
il copione
che
da
bravo
attore
reciti
ogni giorno
non scendere
dal palco
declamando
una verità
che
mi
uccide
Vorrei
uscire
dal teatro
adesso
ma fuori
piove
forte
troppo
forte

 

immagini come memoria

di Odo Tinteri

Lontano dagli occhi...

… lontano dal cuore

E' l’assurda situazione
di chi si trova solo ad amare
quando chilometri di strada 
e vortici della vita
ci tengono distanti
in una storia che ci scivola tra le dita
 
Lontano dagli occhi, lontano dal cuore
a volte forse è meglio...
pensare a fare lo scrittore!

L’uomo in grigio / 1

Era in volo da oltre sei ore. Sull’Atlantico, che sotto di lui brillava come un vasto lago tranquillo. L’aereo di linea seguiva la rotta di sempre, alto tra le rade nubi bianche di quel giorno luminoso. L’uomo in grigio stava seduto nella poltroncina assegnatagli, accanto al finestrino. Aveva rimosso il nodo della cravatta nera, e non aveva toccato la coppa di prosecco postagli accanto dall’hostess in azzurro. Aveva sua madre in mente. L’ammirava facendo il segno della croce, tutta vestita di scuro con un guizzo di luce negli occhi dietro gli occhiali. Era morta da ieri. Da ieri aveva finito di tribolare, nascosta sotto falso nome nei dintorni di Bologna. La madre del pentito scappato in America.

L’uomo aveva lo sguardo stanco, quando decise d’abbassare la tapparella scorrevole del finestrino, privandosi della vista meravigliosa della sponda d’Europa ormai prossima, con Lisbona sotto di lui come un gioiello. Voleva restare coi ricordi di mamma, con l’odore del pane fresco e del mirto, il sentore di casa in una via d’Agrigento. Anni d’esilio non avevano cancellato nulla. Neanche l’ultimo gemito del padre morto ammazzato, e del fratello. Né l’occhiata di don Calogero ai funerali. Il suo abbraccio. Leggi tutto »

Cerca nel sito

Calendario 2018 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 6 utenti e 1879 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • ferdinandocelinio
  • Ezio Falcomer
  • gatto
  • Manuela Verbasi
  • Sara Cristofori
  • nubi