Login/Registrati

Commenti

Piazzetta virtuale

 agorà

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Julia Litròf
  • Rifugiata Poetica
  • Guglielmo Perfetti
  • Nefelia
  • Aug

Blog

Dirty Anointed People

Devo fare luce su argomenti da rabbuiare, secondo i canoni della generazione x.
Maledette le mie libertà concesse.

Potrei mai limitarmi a dissentire
a vegliare sui miei diritti più inutili
potrei, saprei mai imprigionarmi con gusto
violando canoni che volendo m'appoggiano?

Potrei forse tenermi all'oscuro
dalle cadute che rendono ricchi
vorrei davvero barattare gli scopi
lasciando i mezzi in balia delle mode?

Magari, potrei crocifiggermi e brindare al peccato
potrei per stranezza esser chiamato Messia
ma si dà il caso che il caso distrugge
e la salvezza la lascio ai borghesi

Non ho

se non ho quello che voglio
la porta dei desideri è chiusa
non ho e non avrò le chiavi
per aprire la vita e viverla
cosa è stato il tempo passato?
quelle salse gocce che m'hanno
corrugato gote imberbi ancora
e scese poi nelle pieghe amare
d'espressione dicevano
che assaporarle faceva male?
quando contrarre un debito
era avere progetto futuribile
un laccio stretto alle caviglie
lungo abbastanza per girarti
e guardare quanta strada fatta
perché quella da fare
si perdeva all'orizzonte
una linea senza nulla dietro.
allora resto qui da solo
non ho lei non ho loro
non ho...e basta.

simboli

conosco il morso della luna,
la fase fredda che bagna l'anima,
i pensieri che diventano scosse
fino a diventare ossessione
quando la strada dritta si costringe cerchio.

sono il centro di una città inesistente,
cerco la terra, l'acqua, Dio, in foreste di simboli
o nella pura ragione del seme.

Vorrei portarti con me nelle periferie, nei tramonti,
nelle sabbie mobili, dove la verita' accetta e annulla
migliaia di  punti: indici di ritagli.

vittima dell'atrabile come un rischio in ombra
la mia mano scivola lentamente al suolo.
 

Notte di settembre

Image Hosted by ImageShack.us

Mi prende per mano
questa notte che non scorre
dove perfino la luna
sfilaccia il mio cuore
quando il pensiero
s’imbriglia lì
dove s’arresta e muore.
 
E mi ritrovo così
con la testa tra le mani
a contar minuti
infiniti i granelli del mio deserto
uno ad uno
scivolando tra le dita
svuotano i ricordi.
 
Si divarica la distanza sull’invisibile filo
calda rugiada
mentre attendo l’alba
che stenta ad arrivare
su questa notte gelida
senza più alcuna voglia
d’aspettare.
 
 
tiziana mignosa
09 2008

rabbia e vento ...

 
È il tempo degli eroi non capiti,
dalle idee che hanno una doppia faccia,
di una frase che non trova il giusto
collocamento nella vita ordinaria.
 
È il tempo dove   le gesta
malvagie sopravvivono,
e le buone opere vengono
seppellite con le loro ossa.
 
È  il tempo che le parole uccidono
i  pensieri muti ,pieni di soffi vitali,
dove uno sguardo si china ,
ed un amore ha paura di essere
affrontato.
 
È tempo dove l’ora si nasconde negli occhi
per non farsi scoprire
mentre tace la clessidra nel rompersi
e perdere l’essenza dell’anima 

L’angelo si sorprese del grande oceano

 
Il primo mattino è una misura che non ha tempo sulle nuvole
dove ogni volo incalza
e l’est lima alla bussola la ruggine delle direzioni
verso nuove rotazioni che s’iniziano.
 
Sono per tutta quell’ansia terrestre
che ingiunge a un guanto d’aria
l’arrampicata diagonale in fede all’ascensione
o lo stallo.
 
Qui per ogni dislivello un tumulto d’ali
scrolla nove cilindri Wright-Whirlwind
così mi scio in fumi opachi
al magico coraggio / delle bronzine in guerra agli oli.
 
Qui nessuna ruga ondosa
per i pistoni che fuggiranno in avanti al rostro l’aquila
e non ho battiti
su questa rotta d’acqua
e controventature sazie di sostegno.
 
Plano di randa dalle lunghe laterali vele
come un inverso Colombo senza gusci
traccio solchi di rumore che sarà del poi / il cruccio dei trasvoli
piango col ghiaccio che m’intrama ai nembi

la festa di San Rocco

Ho drappi di ciglia
a strapiombo
sul bordo della sottana
e occhi[i tuoi]
azzurre uova Fabergé
preziosamente cotti
dal mio pavoneggiare
 
Chè il culo di una donna
quando fa la ruota
può oscurare il sole
e imbambolarti come da bambino
davanti ai fuochi per la festa di San Rocco

Fuori e dentro

Mi viene da pensare
arrivata a questo punto
che magari avrei bisogno di un aiuto.
Contro questa pioggia forse
o contro quella che mi lava dentro
da quanto non lo ricordo nemmeno.
Nessuno mi aiuterebbe temo
a rinforzare le pareti della mia stanza
non saprebbe entrarci
non ha porte, solo finestrelle.
Fuori ci guardo dal suo interno
e non c'è posto per ospiti
la misura sono io soltanto.
I curiosi li scaccio
sempre sono stata brava in questo
prenderò mattoni nuovi e pittura
e rinsalderò la mia vita.
 

Anch'io ho fatto un viaggio, più corto

- Ehi, ehi, ehi….signor…?
Lo guardai venire verso di me caracollante sui tacchi alti non meno di due pollici degli stivali a punta.
Se al posto del cappello da cow-boy color panna avesse agitato nella mia direzione un tomahawk con la testa in pietra della stessa tinta avrei pensato che quella che stavo accarezzando fosse una puledra da sottrarre al recinto e galopparci a pelo nella notte.
Invece ci ritrovammo io dalla parte del guidatore di quella anticaglia di Studebaker marron del 1963, e l’apache con le enormi dita a stringerle i bordi del finestrino dalla parte del passeggero, deciso a non farsela sottrarre.
Capelli neri fino alle spalle, occhi che finivano oltre gli zigomi terra di siena, pietra color pietra che ancora gli ciondolava sul petto completamente glabro, il guerriero indiano straripò oltre il tettuccio con quella espressione tipica del pard di Tex, il mio eroe dell’infanzia.
E, confesso, anche di oggi.
-         E’ uno schianto signore, un vero schianto.
Gli cercai gli occhi prima di aprir bocca, incontrando solo due lame assenti. Aspettandomele,  decisi.
-         Vecchi modelli, Augh, non ne vedo in giro di auto capaci di muoversi da qui a Carmel e ritorno, gli sputai addosso sapendo già che fra se e se il nativo avrebbe riso di quel pinguino tutto infagottato nel moncler sabbia sbiadita.

Il gioco

Mi piace troppo il gioco che scava
nelle concave profondità dell'io,
ma, quando lo abbandonerò, forse,
gli arcobaleni saranno di notte
più frequenti e il buio avrà un altro come.

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 7 utenti e 2517 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Antonio.T.
  • ferry
  • gatto
  • ferdinandocelinio
  • Giuseppina Iannello
  • Salvatore Pintus
  • Grazia Denaro