Blog | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Piazzetta virtuale

 agorà

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Artemisia
  • Filo Bacco
  • Marco Galvagni
  • Giuseppina Di Noia
  • dante bellanima

Blog

Solo..eppure

Mi troverà solo
 
all’appuntamento
con la tenebra nel cuore
causa la voglia d’esser
libero sempre.
L’aspetterò
tanto non può far male
dev’essere e sarà
la cullo da sempre
con la malinconia
infissa nel vivo
eppure è stato bello
quel che sono.

Prigioniero del bosco

La tua canzone sommessa
è stata come un lenocinio di sirena
mi ha rapito al tramonto
conducendomi qui con lieti passi

 

ed alchimie di sorrisi
Una corona d’antiche ginestre
sprigiona fragranze magiche
ti abbandoni alla musica

  Leggi tutto »

Neve

13

Nella luce del giorno appena nato
improvviso un argenteo bagliore
filtra dai vetri che la brina intesse
la notte con ricami sottili.
Un riverbero di neve che abbaglia
sfuma sul verde smorzato dell'erba
e brunisce il colore dei tronchi.
Gusto un sapore frizzante di gioia
mentre fremo nell' abbacinante
candore di una promessa d'inverno.

Preghiera tra i sassi

 

Hostato su Megaportal.it

Elaborazione3D  di Tony Mazza

Deserto...
si fonde con il cielo
cuore...
come pietra
tacito
 
silente brezza
dischiude l'anima all' Eterno
preghiera invoca
con mani congiunte
 
nel mentre luce germoglia
prodigio di fili d'erba
ed ombre bianche
elevano lodi con melodie
 
...respira...in nome Mio...

 

© Antonella Poleti

Pensieri ciclici


Se fossi in riva al mare, ora, troverei la pace, la dimensione che più mi si addice in un momento dove di certo c’è solo ciò che voglio IO... i miei sogni, i desideri più profondi e veri come vero è il battito di questo cuore che non si ferma mai nemmeno quando rischia di sbagliare perché si ostina a voler superare ostacoli più grandi di uno tsunami in mezzo al mare.

Se fossi sulla cima di un monte non mi sentirei del mondo il più potente ma guarderei con grazia e amor puro coloro che restano bloccati dal buio oscuro che la Paura di vivere e amare getta nei loro animi bloccando ogni libertà di volare, verso realtà più sicure e nuove.

Se fossi su un pianeta tutto mio inventerei un mondo dove Forza e Sentimento governano tutti al cospetto di Spazio e Tempo. Dove il Timore di sbagliare muore lentamente per mano della Volontà di Amare e dove non c’è giorno senza avere accanto chi con la dolcezza asciuga le lacrime di questo mio silenzioso pianto.
 

 

Al mattino

mentre mi godo lento il poi
e penso a quanto bello sarà
domani ricordarlo
è già ieri quel momento
e vengo oggi all'appuntamento
esultando già d'averti
dilungarmi dopo

 

nello stato di grazia

della mente dell'anima
che mi riporta a desiderarti
ancora

incessantemente.

?

Chi commenta poetando
potrebbe con i suoi versi
rallegrarci
postando.
Passare piano piano
a tal diletto
forse aiuterebbe ad alleggerirsi il petto
 

Preghiera di Aqualung

Perché lapilli sfracelli
e dissonanze
in mia stanza di tela
sanguigna
sei morto in disonore
per silenzio senescente
ma getti ancora forme
dal tuo non esserci
tu non parli
grattugi silente
poveri tuberi da anziano
sei inoffensivo all'oggi

eri fuoco sul Sinai
sangue caldo schizzato
sulla tenda levitica

ora la tua bava
scende a rigolo
inessenziale
all'impotenza umana
sei di peso
catamarano incagliato
ti forzano alghe acide
risacche stremanti
ugoli scemi di gabbiani
ectoplasma d'onnipotente
sul tramonto, con pastrano
liso e fetente.

" ... ai Suoi ordini ..."

 Comincia questa “attività” ma il pensiero non resta … va oltre … nessuno parla ma pesano gli sguardi degli uomini nell’ascoltare le mie valutazioni senza senso accompagnate da direttive errate … come un malato che dopo anni ritorna dal coma mi ritrovo spaesato a chiedermi perché … perchè proprio oggi … perchè proprio tu … con i miei sogni occulto la quotidianità ben  consapevole che la realtà non andrà  via, che rimarrà in agguato pronta a mostrarsi prima o poi in tutta la sua crudeltà ... Leggi tutto »

così sia

Mi manca il tuo cuore.
Vestirò brocche di velluto
e le riempirò di lucciole.
Intaglierò canti
all'ombra di stelle cadenti
Vestirò di seta la lingua
per salmodiare il tuo nome
 incantando la notte
Il salice tornerà a fiorire
Ridente
Se così deve essere.
Così sia.

 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 4 utenti e 1923 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Antonio.T.
  • ferdinandocelinio
  • Salvatore Pintus
  • woodenship