Blog | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Piazzetta virtuale

 agorà

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Laura Archini
  • Artemisia
  • Filo Bacco
  • Marco Galvagni
  • Giuseppina Di Noia

Blog

Scrivere

Un invito a scrivere pergli amici del mio "Laboratorio di scrittura" e per tutti:
.Scrivere è liberare i nostri pensieri.
Trasmetterli su un foglio bianco pronto ad accoglierli e gratificarci di vederli stampati per poterli ricordare quando lo desideriamo.
E’ vivere sulla carta la vita che avremmo voluto e non abbiamo avuto la possibilità di poterla vivere.
La vita non ci dà una prova d’appello e così la nostra fantasia può spaziare ed immaginare le situazioni più incredibili......sognare come ci capitava da ragazzine quando pensavamo al nostro futuro.
Quando la fantasia ci trasformava in principi e principesse e le emozioni ci assalivano diventando padroni del nostro cuore.
Coraggio, liberate la vostra fantasia e scrivete tutto ciò che vi ispira senza pensare di essere giudicati perchè non è lo scopo del corso.               
.Scrivere è liberare i nostri pensieri.
Trasmetterli su un foglio bianco pronto ad accoglierli e gratificarci di vederli stampati per poterli ricordare quando lo desideriamo.
E’ vivere sulla carta la vita che avremmo voluto e non abbiamo avuto la possibilità di poterla vivere.
 
La vita non ci dà una prova d’appello e così la nostra fantasia può spaziare ed immaginare le situazioni più incredibili......sognare come ci capitava da ragazzine quando pensavamo al nostro futuro.

La mia stella

Ogni fine giornata mi piaceva passare per la spiaggia prima di tornare a casa.
Mi sedevo sulla sabbia a guardare verso il mare e poi in cielo, dove ogni sera, come il buio faceva da padrone, compariva la mia stella.
Non era come le altre, mi guardava, mi parlava e mi consigliava.
Non sentivo le sue parole, ma sentivo che mi sfiorava il cuore e io capivo cosa voleva comunicarmi.
Era la stella più luminosa, più bella.
Un giorno dovetti partire lontano, in un posto senza mare, speravo che comunque avrei potuto continuare ad incontrarmi con la mia stella.
Ogni sera come faceva buio mi affacciavo alla finestra e la cercavo, ma non sono riuscito più a vederla, non ho sentito più il suo calore e le sue carezze al mio cuore.
Come era possibile? Una stella non può sparire da un giorno all'altro, non può essersi spenta così.
Più passavano i giorni e più la malinconia aumentava e la mia stella ormai era sparita per sempre.
Diventai vecchio e dovetti smettere di lavorare.
Con i pochi soldi racimolati presi la decisione di tornare alla mia terra, di tornare dove c'era il mare.
E così feci.
Era cambiata molto la mia terra, il progresso provoca modifiche irreparabili, però ritrovai la mia spiaggia, bella, bianca e con il mare meraviglioso che l'accarezzava con le onde.
Una notte mi ritrovai di nuovo a passeggiare sulla sabbia di notte e ad un tratto sentii una voce che mi chiamava, ma che sembrava venisse da nessuna parte.
Alzai lo sguardo e rividi la mia stella, sempre bella e luminosa, che mi sorrideva.
“Ti ho aspettato tutto il tempo e sapevo che saresti tornato, adesso non potremo più separarci e non avrai nemmeno bisogno di venire in spiaggia tutti i giorni”
“Perché non devo venire in spiaggia, il mio cuore ha bisogno delle tue carezze” le chiesi quasi implorante.
“Non ci sarà bisogno perché adesso verrai da me e non ci separeremo più, e il tuo cuore potrà avere tutte le carezze che non ha mai avuto”
“E come sarà possibile tutto questo?” dissi...
La stella rispose semplicemente:
“Chiudi gli occhi”

Franco

Illusione

La poesia si compie qui
termina il sogno
si conclude il mio film
la mia illusione.
Rimane l’emozione
di un amore vissuto
su una nuvola.
La pelle vibra ancora
al ricordo
le tue parole
le tue carezze
risvegliano i sensi
le tue labbra ancora più morbide
ardenti nel mio sogno svanito.
Ti vivrò nelle mie fantasie
e  non mi dirai più
no.

Un Nuovo Canto

 

Tutto si ripete nel tempo immobile ed il suo abbandonarsi
come lieve orma sulla neve bianca
Tutto si solleva come un caldo pensiero che sinuoso ondeggia
fra le note di questo nuovo canto

Ho luci accese nel mio presente
Ho fragranze di istanti appena nati a reggermi la memoria
Ho Religiosi silenzi ritrovati in un niente mai tornato

...e mi trascino nel palpito del mio petto
fra gli echi di questo violino e le sue note di notte
...e mi trascino fra le corse di ricordi lontani
come quando si aspettava lo sciogliersi della cioccolata

Ho fra le braccia un Nuovo Natale
Ho nel camino un Fuoco appena acceso
e fra gli schizzi di luce emanati dal Miracolo
ammiro il Riflesso incandescente
di una Donna che Brucia di Nuova Vita

-Runa-

Sono una renna ubriaca

Sono una renna ubriaca
con le corna troppo lunghe
per colpa di una moglie
che si finge gelosa
per colpa di un destino crudele.

Sono una renna si
una renna
con il pelo delicato
un mantello da far invidia
a un industriale del borgo
ma è mio
e non lo lascio nemmeno
in prova
al figlio degenere
di quel cornuto
che sputa sugli stranieri.

Sono una renna giocosa
colpita dal complesso d'Edipo
fuggita alla sua emozione
per colpa di un depravato
che mi faceva lavorare
come un dannato
un pancione barbuto
uscito dalla quinta strada
o forse da un romanzo di Dostojevsky

E bevo per non pensare
per non amare
e per non ballare
che i Lapponi danzano
troppo
troppo sul finire del giorno.

Bevo vino di Francia Corta
ma non disdegno nemmeno
un Primitivo di Manduria
perchè sono una renna clandestina
ma mai cretina.

Finchè goccia non ci separi

 

Oltre il tempo…oltre lo spazio…
Finchè goccia non ci separi.
Io che d’amore non fui mai sazio
E tu che in me cercasti ripari.
 
 
Oltre lo spazio…oltre il tempo…
Varcando insieme l’ombra dell’oblio,
Restando immuni alla forza del vento
E cercando un calmo fiume o un rio
 
In cui non ci sia oggi né ieri né domani
Ma solo noi nella nostra essenza,
Custodi di segreti da svelare
 
Noi, indomiti spiriti da domare
Col fuoco e col ghiaccio, senza
Del cuore svelare gli arcani.
 

William Blake

cielo riflette l’occhio
interiore che veste
luce
 
specchio
d’azzurro dimora di
cherubini a te
benevoli
 
 
© flymoon

Spolia opima.

 
 
Noi che scrivemmo dogmi come si parla al vento
al vento di cui si avrebbe saggio timore
se si capisse la forza delle sue mascelle
quella grazia convessa che spolvera il trifoglio
o la follia delle fiamme che arringano i pompieri.
 
L’arguzia della giravolta che un seme ospita
dovrebbe un clamore
nei circhi tra gli acrobati
che non sanno di quei volanti nel bosco.
 
Eppure no.
 
Toglieremmo il ruolo all’universo
quando caduti
fossimo noi il centro della sua morte contingente.
 
Ma no - che dico! - scopiazzo sorti
e ingiurio i cupi.
 
Si abbia almeno un serio animo
variegato di dubbio.

Natale

A tutti un augurio di...

                                    

 Nel caminetto acceso
ardono i ceppi...
Avvolta da un caldo tepore,
rianimo il fuoco...
Illumina la stanza
uno scintillante abete
di sogni carico...
E' calda la notte,
ma fredda la speranza
che fuori avvolge
i cuori:
triste istante
che l'anima prende...
Lontano,
in una grotta,
tremante un bambinello,
tra le mani stringe
un desiderio...

Natale

A tutti, anche se con lieve ritardo, un augurio di...

                                   

Nel caminetto acceso
ardono i ceppi...
Avvolta da un caldo tepore,
rianimo il fuoco...
Illumina la stanza
uno scintillante abete
di sogni carico...
E' calda la notte,
ma fredda la speranza
che fuori avvolge
i cuori:
triste istante
che l'anima prende...
Lontano,
in una grotta,
tremante un bambinello,
tra le mani stringe
un desiderio...
 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 2244 visitatori collegati.