Blog | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Piazzetta virtuale

 agorà

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Marco Galvagni
  • Giuseppina Di Noia
  • dante bellanima
  • Nicoletta
  • Kippax19

Blog

Poeti

Assorti dall'eco della poesia
navighiamo
in un mare di filature e
vergini pagine
che cercano,
stuzzicano l'anima del poeta
chiedendo versi,
limpidi e viscerali
come acque di un mondo puro
o come verbo di Dio...
Camminiamo
dunque
nella luce del verso
per dare pane alla penna,
sole a un foglio pallido...

E su quel foglio pallido
vergar la mente e l'anima,
fissando,
nel pallor estinto,
esordi e fini
del rappezzato mondo...
Fioccano i pensieri
incanutiti dal tempo
ed esuli migrano verso felpati mondi.
Lumi vaganti tra pareti spoglie
che sanno di tenerezze intinte
e tra marosi incontrano
le zingare emozioni...
 

Poetanelcuore & Rosemary3

Addii silenziosi

 

Quando capisci di aver perso un amico...non per litigi, non per incomprensioni, ma per il solo semplice fatto che non siete più compatibili...la prima cosa che vorresti fare è correre. Correre e odiare il Mondo. Ma poi lo guardi, mentre stai male, lo vedi divertito e spensierato. Ti osservi riflessa nel vetro e vedi i tuoi occhi lucidi. Lui alza la testa e vedi i suoi vuoti.

Dicemmo del sole che amavamo

Dicemmo il sole
disancora dal molo est,
sciolti i nodi della sua ora;
aspetteremmo,
se puntualmente affondasse in mare
ad ovest
 
ad ovest
dove si colgono tutti i pesci notturni
e le stelle si fanno marine
sulle alpi d’acqua.
 
Uh, le alpi d’acqua!
 
Potrebbero precipitare un cuore
ad averne modo.

Argèntei riflessi e impronte sulla sabbia

Trepido batticuore, mi chiude la gola
lieve  brezza odorosa di mare
e una rapida corrente di pensieri
e immagini, all' unisono,
m’accarezza leggera...
lontana da te un abisso
ora avverto  i tuoi passi
Smarrita, ti cerco con la mano,
seguendo i tratti del tuo volto,
nell'ombra che dilegua,
oltre brandelli di cielo limpidissimo
come un ventaglio di raggi
esploso da una tenue
luce di luna
Gronda un silenzio lento, intorno,
togliendo gli ormeggi ai giorni
sciolgo pensieri  ammutinati
e danzo,
a piedi nudi,
sulle note di un canto,
inebriata  da un profumo
di mughetto e tuberosa.

L'addio

Rinaldo, sempre pronto a venirmi in aiuto quando non riesco ad inserire una foto o faccio pasticci con il computer:

E tu, ancora tu,
con il tuo lacerante abbandono,
un’onda di amarezza mi sommerge.
 
Cosa mai ascolterà ora il mio cuore,
in questo grande silenzio che è la vita?
                   

                Rinaldo Ambrosia 

Prendi questo fiore

Prendi questo fiore ancora intatto
prima che i versi di un falso poeta
lo trasformi in qualcos'altro.
Non perderlo mai,
mi piacerebbe rivederlo un giorno
tra i tuoi capelli,
fresco ed immutato
come lo è il mio ricordo di te.

Franco

Lucciole nel cielo...

Luci crepuscolari

 Luci crepuscolari mi fanno compagnia,
mentre mi perdo in me stessa alla ricerca di un pensiero amico.
Luci crepuscolari mi fanno compagnia,
mentre le onde del mare
mi travolgono.
Luci crepuscolari mi fanno compagnia,
mentre cerco uno sguardo immenso.
Ma gli sguardi sono tanti.
E forse nessuno è come quello che vorrei io.
Però se guardi bene, in ognuno di essi, c'è un universo sempre nuovo.
Il gioco sta nel trovarlo.
Luci crepuscolari mi fanno compagnia,
mentre le guardo per l'ultima volta
e dico loro addio.

L'uccello rosso

 

Poggiato tra le foglie
il flamenco
sorseggia l'acqua della luna
tremolante la mangrovia
suona l'ultima emozione.

Saltano nel mare
come pagliacci
pesci colorati
mentre le stelle marine
disegnano sul fondo
colori di una piscina.

L'uccello rosso
mi regala
una delle sue
piume
la porterò al castello
di sabbia
della regina bambina
disegnerà il mio volto
sul vetro della sala delle udienze.

Ordinaria follia

Vai dietro la lavagna
inginocchiati sul granturco
domani vieni accompagnato
dai tuoi...
torturatori.
Come non mangi il passato
di verdurine surgelate
or ora scodellato
dal barattolo arrugginito
ma di chi sei figlio
d'un estracomunitario
ti faccio vedere io
dove credi di essere
a casa tua / deficiente!
Signorina
supporto psicologico
lo faccia lavare con la sistola
s'è vomitato addosso
questo cretino
poi gli metta un grembiulino
di quelli di emergenza
che sua madre / altrimenti
capace si lamenta.

 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 5 utenti e 1722 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Antonio.T.
  • Francesco Andre...
  • ferry
  • Weasy
  • Salvatore Pintus