Blog | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Piazzetta virtuale

 agorà

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Marco Galvagni
  • Giuseppina Di Noia
  • dante bellanima
  • Nicoletta
  • Kippax19

Blog

ciao ALDA

per chi
ha raccolto
silenziose stimmate
vaga il verso nostro triste
tra il canuto e l'infante.
il tuo volo verso l'aurora sia possente.
sarai adesso osannata,
tante corone chineranno il capo

certo riderai benigna,ormai il dado è tratto , a noi,umili, rimarrà l'esempio,
tra i fili d'erba
tu che hai colto una stilla,
ridato rugiada al percorso
OH MUSA d'oltrealpe
che hai lasciato
il sentiero
d'ogni giorno
sciogli
in bianche colombe
questo nodo che ci cinge.
Tra le pieghe di un verso
l'anime inquiete
ti sentiranno
vicina
per sempre."

Un bambino

Gli occhi di un bambino ti guardano
con stupore paura dolore
smarriti implorano un sorriso
un gioco
calore carezze alla mano che colpisce
senz’amore
invocano la mamma un bacio
la vita.

L'altra metà della mela.

l'ho scartata
non per conservarla
per gettarla - prima o poi
togliermi il suo segno
dalla carne
da quando io prostrato
dalle mie povere fobie
malinconiche
volevo bramavo attesi
un segno suo di madre
di sorella o amica alfine
che non c'era
non volle esserci
e allora lì tra altre cose vecchie
che di spose e amanti
ne trovo quante voglio
e senza maritarmi.

Un tempo

Correvi, cantavi, ridevi,
al vento, al mondo gridavi
la tua gioventù.
Un tempo.
 
Su campi di viole,
baciata dal sole,
di rugiada e d’amore
i seni nutrivi.
Un tempo.
 
Felice ancora sognavi.
Poi, una spada come folgore
la giovinezza ammazzò.
La gioia dal petto squarciò
precipitandoti fuori dal mondo
nel buio profondo.
Un tempo correvi, ridevi,
ora…non più.
 

 

Il barbone

Avvolto
in un cappotto rotto
sporco 
con il berretto storto

è fermo
in questa piazza e aspetta

non dorme
ma neppure ha fretta


E' qui
che passa l’ubriachezza

di gente
senza gentilezza

che corre
verso l’oro e avorio

ed egli
sì a rimanere sobrio

Ha mani
in tasca che non caccia
per non guardare
quelle
 monete in faccia
lasciate
dalle coscienze sdutte
assieme
a tante obese colpe

 

come petalo al suolo

seguivo il percorso
del ramo di mezzo, fù il volo,

volevo sentire il profumo
delle nuvole in cielo,

il sogno spingeva
con il vento leggero,

desio sovrano,breve e lontano
capovolto è l'azzurro del cielo.

M & F

Dacché il mondo si fece
in simbiosi creando
il maschio e la femmina
e loro ripetendo il disegno
la torre municipale e la piazza
il campanile e la collegiata
il turrito forte con il castello

Lui e Lei
nel tempo grandi si fecero
volutamente o per caso
uno muscolare ardito capace
lei riflessiva decisa tenace
catalizzando
la miscela fatale nell’universo.

 

La ciocca di capelli.

Mentre l’afa di un’ultima
sera d’estate al mare
si accoscia sulla notte
apro la valigia delle vacanze
con inquietante solitudine
in processione da/per il comò
ripongo senza guardare
ma sotto la camicia azzurra
che m’hai donato
un ricciolo un lampo d’oro
cinto da un nastro rosso
i capelli biondi di quella volta
che li hai tagliati corti
m’ha fatto sobbalzare e il cuore
è fuggito all’impazzata verso
mille perché. Non l’ho messo io
lo tenevo tra le cose care preziose
ora è un affisso del tuo tranello
la pena perché reo d’amarti troppo
hai resuscitato un segno ora un assillo
uno spillone piantato nella carne viva
Io piango la tua mancanza
e tu non sei più, sei andata via.

Incomprensibile incompreso (elucubrazioni)

uno che solo è nella corrente
fluendo lento come uno relitto
vangando perigliosamente contro
scogli aguzzi di vita semmai vissuta
da sulle rive una teoria d'occhi
vede sfilare indifferenti opachi
e senza voce grida un qualche aiuto
tanto la pena gli appesantisce l'anima
ma nessuno l'ascolta, che male ha?
quale morbo lo colpì da subito
che mai riuscì a districarsi dal rovo
che interno lo feriva esterno lo pungeva
e sorrisi ebbe men che mai di se
che pativa inconsciamente
d'esser sempre escluso?
forse un'ansa lo accoglierà pietosa
quando tutto il corso avrà fatto
e mesta gli canterà la nenia dolce
che racconta d'esser felici nell'eliso
dove tutto è pace.

indescrivibile

(Lucia Merli-Passeggiando nel cielo)

tra sogno e realtà
tra brividi e carezze
la mente si fa pelle
liquida la carne
 
enorme il peccato
indescrivibile il piacere
 
domani amami ancora

 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 5 utenti e 1699 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Francesco Andre...
  • ferry
  • Weasy
  • Salvatore Pintus
  • Antonio.T.