Blog | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Piazzetta virtuale

 agorà

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Laura Archini
  • Artemisia
  • Filo Bacco
  • Marco Galvagni
  • Giuseppina Di Noia

Blog

Cose Così [di cenere ]

In questo nonsenso ammanicato
abburattato di farfalle dallo stomaco alla gola
frenesie di occhi legherò di parole
che il mio fiato schiuda calmo nel tepore
infranto su di me, appagato si nutra
affiori dal nulla poi scenda di cenere
quando tutto deve ancora accadere

Manuela

Ebano

E furono le parole
a bucarmi le guance
coltivandomi di ciliege il respiro
di quel lento andare
in cortili sfuggenti

mentre le pieghe degli abiti
sono tutte inamidate
pronte alla tua assenza
e a quella porta su cui amputare la lingua
in riflesso oltre la tragedia

e mi ranicchio all'ombra di questo giorno
mentre le mie unghie
hanno corteccia d'ebano
e il tuo profumo
nelle ossa e nei graffi

 

da "Vertigini Scomposte", Ed.Smasher, 2009
poesia menzionata con onore al Premio Lorenzo Montano, 2009, Verona

tra le trame ...

guardo oltre il maestrale.

Strappa le trame oggi,
di questo cielo fustagno.

Oltre sorrisi macchiati di bianco.

respirano forte le bocche,
[affannate] di inutile pianto.

e spero che il vento,
essenziale e notturno

dipinga di azzurro
le mie volte pensose.

Amarezze incompiute

Amarezze anch’esse incompiute
dimorano nei meandri del mistero
eppure l’amore un poco esiste
che resiste alle intemperie umane.
È questa incomprensibile dissonanza
che lacera i rapporti e ti fa solo
chiuso in un tormento che ti schianta
sotto il peso dell’indefinibile.
E sono stanco, come una barca abbandonata
all’onde, sogno un prono riposo sulla rena.

Antonio Ragone (Da "I Passi sul sentiero sconosciuto - luglio 2009)

Da lontano

Su di te
ho appoggiato i miei occhi.
Ti guardo
mentre esegui i tuoi volteggi pieno d’entusiasmo,
 nelle tue decise rincorse verso il sole,
 nella tua ricerca di un angolo blu in cui rinfrancarti.
T’accarezza
il mio sguardo…
come amorevole mano materna
attraversa i tuoi capelli d’angelo,
si ricolma di fierezza
nell’ammirare il tuo essere
e,
consapevole,
t’accompagna sempre,
per proteggere il tuo volo.

siluro

La Poesia è come un siluro,
nel suo mirino l'Amore,
i suoi Versi una Flotta
i suoi cannoni
verso il Cielo,
la sua Sinfonia un esercito
con prime linee allo sbaraglio
e poi i suoi generali

Fragilità e Potenza

che con calma spietata
pianificano la grande strategia
dell'Immenso.

I pulcini di Bruzolo

 

Quando giocano a pallone
i pulcini di Bruzolo
sono forti
son veloci
sincronizzano i passaggi
e fanno gol.
Non temono gli avversari
son decisi
sono uniti intelligenti
tutti per uno
uno per tutti
è grande gioia
veder giocare
i pulcini di Bruzolo.
Che emozione !
il mio cuore è felice
con occhi a lacrimare
quando fanno gol.
Non c'è juve
Non c'è toro
quando in campo giocano
i pulcini di Bruzolo.
W  W  W .
 
renato finotti .

 

Incosapevoli prigionie

 
La vita è mistero e magia quando lasciamo aperte le porte sull'infinito, quando siamo disponibili ad imparare nuove lezioni, quando rinunciamo a patologici fanatismi che ci precludono l'acceso a strade meno battute, quando neghiamo al nostro cuore la possibilità di aprirsi alla meraviglia di ogni istante di vita vissuto con sincerità.

Aldous Huxley sosteneva, che l’essere umano è un anfibio multiplo, dotato del privilegio di vivere in più mondi , ma spesso rimane imprigionato in un unico mondo che alla fine diventa la sua angosciante bara-prigione, e quel che peggio, è che molto spesso non l'abbiamo scelta liberamente e consapevolmente: è solo il risultato di una serie di condizionamenti e di bisogni inconsci.

Non ci si chiede mai abbastanza quanto siano l’amore e la fiducia a determinare le nostre scelte piuttosto che la paura e la mancanza di autentica fede nella vita. Nel momento in cui l’uomo si è gradualmente dissociato dall’identificazione con la natura e con il proprio corpo, ha dovuto inventarsi surrogati di vita e di spirito: Ovunque, siamo circondati da falsità: Falso cibo, falsa bellezza, falsa fede,falsi corpi, false identità fasulle, falso amore, falsi valori.

alle 8 di sera

l'alone di luce dei lampioni
attraversato dal fumo bianco
delle caldaroste
brilla la pioggia
sullo scuro asfalto
della piazza semideserta

alle 8 di sera
qualche saracinesca
si attarda a chiudere
in attesa dell'ultimo cliente

e percepisco il silenzio
di questo freddo che avanza
inrispettoso per chi
adesso non ha un tetto
sotto cui ripararsi

ho il cuore triste
come questa piazza
che chiude i battenti
alle 8 di sera
aspettando il ritorno
di un tiepido sole
che ridesti la vita.

Non sono un poeta

Non sono un poeta,
e nemmeno scrittore,
ma mi piace giocare con le parole
e se la notte mi sento solo,
scrivo dei versi
per prendere il volo.
Cari amici, veri scrittori,
spero di entrare nei vostri cuori.
Non vi voglio adulare,
e nemmeno “comprare”
ve lo assicuro
per me scrivere è soltanto giocare.

Franco

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 3 utenti e 2645 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Bowil
  • ferdinandocelinio
  • Salvatore Pintus