Blog | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Commenti

Piazzetta virtuale

 agorà

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Lucia Lascialfari
  • BruceBialo
  • Ugo Marchi
  • AriannaM
  • Giulia29

Blog

Tasche vuote

Ho rovesciato la mia vita come si fa quando si vuotano le tasche, non c’è rimasto niente. Quello che avevo da spendere l’ho speso. Niente rimorsi. Ho vissuto pienamente, intensamente. Ora che le rughe sono come grinze di un vestito passato di taglia, nelle tasche vuote ritrovo solo le briciole dei ricordi che non vogliono morire soffocati. Le ho buttate. Ho visto volteggiare dei corvi. Presto dei ricordi non rimarranno neanche le briciole. Meno male, ho fame di nuovo. Di vita.

Claude Monet Route de Giverny en hiver


Claude Monet Route de Giverny en hiver

 
S'aggruma la dissolvenza in una tenebra bianca, si fissa al centro filtrando leggera fiori nuovi di sbocci. Abiurata alla foce nei solchi di cartone l'impronta,  l'affanno e il germogliare del grano disteso, i fondi neri a strapiombo.

L'alito, il fiato, stese sulla  palude la sua luce al languido collo.  L’impronta  sul ciglio di una pietra, lembo profumato in cenere di cenere.
 

SOLA

Sulla riva del lago fra i sassi e i detriti posa
la libellula che cerca il compagno smarrito
mimetizzando le ali e il corpo slanciato
perchè teme dei cigni la ronda
quelli del lago svelti a colpire col becco
come i due che bordeggiano all'ombra:

Sogno

Questa notte ti ho sognata
fra le nuvole bianche del cielo
eri li che mi aspettavi
volteggiando, ansiosa e trepidante.
Arrivai all’improvviso,
mi baciasti,
le nubi ci avvolsero completamente
stringendo i nostri corpi uniti.
Ti ho sognata questa notte.

Franco


La Maya desnuda Omaggio a Francisco Goya

di Odo Tinteri Leggi tutto »

avvertenze

 

Un pò pericolosa
la radice dolce dei miei occhi.
I miei occhi di liquirizia
Ne abusi anche nei sogni
restando insonne e iper-teso
nella notte che già dorme

Incipit

Anelito che vibra nella memoria
travolta da un dolce richiamo,
l'innato bisogno di tangere
l'essenza di ogni gesto,

per vagare rigogliosi
nel giusto senso, l'unico
la via, vita di fantasia
ricca di più varianti

mondo che sappia cogliere
la spontaneità del mattino,
in una luce che ridisegni
le ombre più lontane

vicini ad ogni dissenso,
bramando quel dolce risveglio
accarezzati da un sorriso
amico di ogni giorno,

correndo lungo la scia Leggi tutto »

Eroi senza superpoteri

Una sera come mille altre, sono sulla strada per tornare a casa dopo una giornata di lavoro. Devo fare la spesa, mi dico guardandomi nello specchietto retrovisore. Che so, magari fissandomi negli occhi capisco che la situazione è grave. Non posso più accettare l'immagine desolata del frigo in completo stato di abbandono anche questa sera. Leggi tutto »

Un padre, un uomo

Voglio dire amalo, gridalo, chiamalo, perchè lui c'è, è con te, anche dietro quella latenza caratteriale che ci impedisce a volte di essere ciò che siamo, che sentiamo o che vorremmo essere. Piango, ho pianto, le sue parole, il suo ricordo, il suo pensiero, il suo amore, le sue assenze.
Piango, ho pianto, nel cercare la sua figura come qualcosa fosse a me cara mentre invece, mi era ostile.
Leggi tutto »

Dove vado, per dove devo andare?

"Mi domando di sto passo, dove andremo a finire". Quante volte abbiamo detto o sentito questa frase? Leggi tutto »

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 3 utenti e 2444 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Fausto Raso
  • Marina Oddone
  • luccardin