Anonimo

Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • BruceBialo
  • Ugo Marchi
  • AriannaM
  • Giulia29
  • Natural System

blog di miresol

Ippogrifo

 
“Nulla mai nell’universo va perduto. Le cose perse in Terra, dove vanno a finire?” *
“Sulla luna”  rispondeva pronta Anna a zio Giovanni.
“E cosa andiamo a recuperare oggi, testolina matta? Che cosa ti sei dimenticata?”
“Un sogno, quello che ho fatto stanotte non me lo ricordo”.
“Allora monta in sella a Ippogrifo che ce lo  andiamo a riprendere”.

Fiori di carta

Lucy, Snoopy

Dissonanze

I cristalli scintillano, i fiori nell’angolo buono, intrisi di luce.
E poi il tappeto turco, il vaso cinese, le porcellane antiche, il tessuto indiano, cosa tenere, lucidare, cosa
         non rompere.

Uno

Uno.
Uno oppure una, non importa se maschio o femmina, facciamo maschio, così non ci sarà il dovere di immaginare un vestito, il colore dei capelli, brutto il corpo oppure bello. Uno dentro una Panda o una Seicento, o chissà magari dentro un Suv. Uno che mangia come gli altri, beve, come gli altri caga e questo non fa storia, certo, ma il resto, che storia fa? Quale la differenza?
Uno che non è più funzionale e la faccenda è grave.

Pensavo

Pensavo che le mie parole potessero da te essere contenute, protette, come da una mano con il palmo in alto che si dischiude a culla,

credevo che il mio sentire ti giungesse, anche se sussurrato, forte, ma tu ne hai fatto un urlo, non era dolore il mio, il male che si travasa dalle pareti al centro e ti paralizza cuore muscoli e cervello, era piuttosto avvertire il suono della minuscola goccia, era accorgersi del vivo delle vene, era dare parola a ciò che parola non ha.

Rotola, rotola, rotola

Questa filastrocca è nata sull'eco lontana di una canzone per bambini  che mi cantavano quando ero molto piccola, parlava di cavalli bianchi e neri , di camposanti e ci

Non

Non
l’inabissarsi degli occhi
oltre il cielo,
non
l’urlo del sangue

Frammenti (Risposta)

In un post precedente, Frammenti, avevo dato voce a una donna che strappa uno schizzo a carboncino che la ritraeva di spalle, eseguito dal marito molti anni prima.  Qui immagino la risposta dell'uomo, forse il tono non è abbastanza maschile, ma volevo dare spazio anche a un altro punto di vista.

Frammenti

“Ma cosa hai fatto?” mi domanderai “Perché un gesto simile?”
 
Perché oggi ho sorpreso il tuo sguardo dentro lo spe

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 4146 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Giuseppina Iannello
  • voceperduta