Login/Registrati

Commenti

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Nuovi Autori

  • Juliobaf
  • ietus
  • Fuochino
  • Vito Marco Giuseppe
  • Fabio Como

blog di Pimpra

IL CALORE TENUE DELLA SOLITUDINE

3° giorno di detox dal mio social preferito.

La ricerca della felicità

Risvegliarsi soddisfatta, una tranquilla mattina di giugno, anche se fuori, il cielo ovattato fa presagire pioggia imminente e un’umidità relativa piuttosto elevata, appiccica i capelli alla faccia, insieme ai pensieri.

Sottili differenze

Relazione uomo/donna.

GRANDE CASINO.

Riflettiamo, pertanto, su un punto: noi donne possiamo essere “stronze” o essere “geishe”.

La via di mezzo, quella di essere “compagne”, è troppo impegnativa e richiede la presenza di un partner maschio “evoluto” (quindi, merce quasi impossibile da trovare).

Filo d'erba

Ho sempre pensato che il limite tra la vita e la morte fosse un sottilissimo filo di seta.  Micrometrico limite, dall’alto carico di rottura ma, inesorabilmente debole, se teso nel punto di minor forza.

 

Il delicato profumo di primavera

E’ soave svegliarsi alla solita ora accorgendosi che la casa è già acquerellata di una luce delicata. Anche la Pimpra risente del mutare della stagione e, stamane, per farmi alzare al rintocco della sveglia, si è prodigata in azioni estreme di terrorismo felino.

Silenzio

Non servono troppe parole,

quando si impara ad ascoltare.

 

Anche le pause hanno un significato e così i silenzi.

 

E quando le parole arrivano,

quando arrivano

sono una cascata di stelle lucenti.

 

Curry e tacco 12

Venerdì pomeriggio, piccole commissioni in città.

Si respira aria di primavera e ne approfitto per accorciare pericolosamente l’orlo della gonna. Esco così, coscio in bella mostra, issata sui 12 cm di tacco degli stivali con la zeppa nascosta che divento improvvisamente (una finta) longilinea. [ma questo, lo so solo io.]

Il cappello

Immagino di indossare un cappello a larga tesa. Nero.

Sotto, nascosta, ci sono io.

Dietro il paravento di un impegnativo paio di occhiali neri, da sole. Oggi, però, il cielo è popolato di nuvole. E sono dentro l’ombra.

Osservo ciò che mi sta intorno. Assimilo. Mi connetto con il mondo. E provo a capire cosa mi vuole dire.

Sempre uguale, sempre diversa

A questo servono le foto, a ricordare il percorso.

Ho fatto una panoramica a volo d’uccello sugli ultimi 15 anni della mia vita, potendo osservare chi ero, ricordandomi come mi sentivo all’epoca, ciò che pensavo e che provavo. I sogni, le aspettative, le gioie, i dolori.

Sbiru & Lino

Cerca nel sito

Calendario 2018 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 1 utente e 2759 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • ferdinandocelinio