Lingua italiana | Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica Rosso Venexiano -Sito e blog per scrivere e pubblicare online poesie, racconti / condividere foto e grafica

Login/Registrati

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Lingua italiana

Tumulti dell'anima.

Ballerina.
Nei tuoi occhi trapela il mare.
Ora calmo, ora eccitato, ora in tempesta,
così come le tue braccia dipingono
voli di gabbiani ed i tuoi piedi
onde maestose.
Così come il tuo corpo
raggiunge nell'estasi
la bramosia della calma.

Come alberi.

Forse siamo alberi
con i nostri piedi
ben saldi sul terreno,
come le radici conficcate
nella terra, con il tronco
ben ritto e con le braccia
rami e con i capelli chioma.
Alberi al vento,
che le passioni piegano,
alberi al sole,

Nel delta sontuoso

A cercarmi
la tua mano
infine e oltre
i dissennati tumulti 
delle attese
 
e un orlo sottile
che improvviso
si allontana
fuggiasco
dal fuoco 
che in un bisbiglio

Tenebre e Passioni

Di Tenebre e Passioni,
confondo le ore, mie, restanti.
Di ira immotivata, ed immotivato disinteresse.
Vivere nel sogno,
con il buio nel pensiero.
Il dubbio, il motivo,
il mistero delle azioni che compio, che così tanto mi affascina,

Solo nei tuoi occhi

Dietro il velo

Allunga la sua mano da lassù
nel bianco e nel celeste
da sotto il suo velo
aiuta col suo sorriso schiuso
soavemente.
 
Poi fermo ti lascia,
senza consigli ne direzioni.
Sofferente simbolo dell’essere umano

Siamo tutti latinisti 30°

REPETITA IUVANT

Ballade for a love

Remembers.jpg
Cosa darei
per cullarti
nell’aria mite
di una notte stellata,
e giocare ad amarti
e averti per un’ora.
Cosa darei
per accarezzare
la tua pelle bianca
e baciare le labbra
e immergere gli occhi

Riflessioni serali

Remembers.jpg
 
Nessuna novità,
solo qualche lato intrigante
della storia che resta da percorrere.
Ogni faccia sembra sconosciuta,
ogni cuore a pezzi,
ogni anima che libra nel cielo.
Ogni viso invecchiato
in una sorta di macabro pagliaccio,

Di me non sai

Dei miei cieli
tu non sai
e di quelle piogge 
che mi vestono fredde
le malinconie 
all'anima assorta
 
di quei cristalli scheggiati
incisi agli sguardi spersi 
a straziarmi

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 6 utenti e 2579 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • vinantal
  • Antonio.T.
  • ferry
  • Salvatore Pintus
  • live4free
  • Sara Cristofori