Login/Registrati

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

dialetto

La formica e la cecala

(omaggio a Esopo)
 
Una formica che s’arampicava
su ‘n arbero pe’ mugne li pitocchi

Autoritratto (aspirante poveta

Pe’ fa’ la povesia
più bella e più concreta
qualunque sia poveta
sfrutta la fantasia.
 
Io che de fantasia

'A ciaccarella

Quanno nascimme tenimme 'ndote 'nu gioiello.
'A femmena porta 'a ciacchera, 'o masculillo 'o pisello.
'A nucchetella rosa è p'â femmenella 'e mammà, Leggi tutto »

'E ppalle

Quanta pallune 'ncielo, sciusciate d'ô viento sfastediato,
chine d'aria s'abboffene comm'â mungulfiere 'nturzate.
Ponn'essere verde, gialle: vottene sulo aria. Songo 'e ppalle. Leggi tutto »

Er pennello (bestie parlanti)

Er pappagallo sta sopra er mazzolo.
Co’ quela voce tutta sgangherata
ogni tanto me fa la serenata
come si me volesse fa’ ‘n assolo.

La scerta

Su un filo d’erba un grillo
se dondolava la pellaccia stracca,
quanno che -manco a dillo-
passò de lì ‘na vacca
 

A zir

A zir sta nota
a zir     a zir
A cmand.
 
Du ca' finirò   sta nota.

Pillole di saggezza

Hai... che ku
 
Se vai a nanna,
prima d’annà a letto:
fatte ‘na canna.
 

La mortatella de somaro

Sì, me piaceva tanto, -nun lo nego-
ficca’ li denti in quella pagnottella
piena de saporita mortatella
de ciuccio. E adesso nun me spiego:

Er somaro a cavallo (stupidario)

 
-Vado a cavallo pe’ smarti’ la panza.
E poi me tocca a fallo,
me l’ha detto er dottore:

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 0 utenti e 2486 visitatori collegati.