Login/Registrati

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

dialetto

Er poveta e l'ucelli

 
Er poveta le spara a piene mani;
se ispira troppo spesso: -in fede mia-
quanno che vòle esprimese in poesia

Er contagio

Tu m’hai ridotto a la disperazione!
Nun magno più, nun dormo più, nun scrivo più:
ciò un groppo in gola che nun me va giù

Bòna notte bòna notte

Bòna notte bòna notte
 
Bòna notte bòna notte
qua le corde se so’ rotte
er violino poveraccio

Ad nota us ved

Ad nota us ved; t'ved
al steli che 'e de l'i gné
t'ved al femni che un è

Sbat 'e caz

Sbat 'e caz
 
Al so, v'ut ca ne sava
Aristotele l'arivò che al cherti

Na bocca

Na bocca; la ha piant
l'utma e la preima volta.
Cus us può di'
c'u gnè gnent t'e mez?
 

La depressione (le comiche)

La depressione (le comiche)
 
Me so’ svejato co’ la depressione
e me ritrovo co’ li nervi a pezzi.

An t'artrov piò

An t'artrov piò, am guerd in zir
a zur at guerd, ma l'anma ca malediva

Tremma 'a terra

Dint'a terra vullente, d'ê respire se nne sente 'a voce.
Quanta ciate affannate sott'ê pprete, s'abbraccene 'a croce.

Mmiezo 'e pprete, 'ncopp'ê pprete, attuorno 'e pprete. Leggi tutto »

Si putesseme scegliere

Si putesseme scegliere addò murì e quanno, 
si 'a vita nosta se putesse studà' a ccumanno, 

Cerca nel sito

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 11 utenti e 2525 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • ferdinandocelinio
  • Antonio.T.
  • Bowil
  • live4free
  • Livia
  • Grazia Denaro
  • sapone g.
  • Guglielmo Perfetti
  • Manuela Verbasi
  • Marina Oddone