Login/Registrati

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Poesia

La prova del nove.

Mentre altrove il rosso porpora
di pasciuti cardinali sproloquiava,
il nero lega dell’imbecillità umana
ha negato la mensa a nove bambini
che non potevano pagarsi la retta.
 
Ricordiamocene quando faremo i conti,
sarà la nostra prova del nove.
 
 
n.d.a. Scuola Elementare
di Montecchio Maggiore (Vicenza) 

Speranza a fette

 Eri a terra sotto di me eri stanca, eri persa nei tuoi guai, eri lontana da te, eri morta al sole del pallido inverno, eri cosi distante immersa nel silenzio delle bugie e nel buio immenso delle domande che sputavi, eri la percezione del brivido in mezzo ai guai, un anima gravida incoronata dal fischio del vento che ti stringe e và.

La messa del giorno di Pasqua

La chiesa è piena di gente
le panche stipate all'inverosimile,
il prete raggiante
celebra la sua omelia.
 
Un bambino si gira
litiga con la sua sorellina
infastidito dal profumo d'incenso
con la sua maglia di kashmere bianco.
 
L'organo suona per merito
di una donna di neve.
con la sua collana di perle
la lunga gonna di renna.
 
Qualcuno guarda già l'ora
mentre dodici candele
levano fumo nel cielo.
 
Il terzo chierichetto
si ficca un dito nel naso
sua madre lo fulmina con uno sguardo.
 
C'è fila per il confessore
e la signora dalle calze a rete
bleffa sui suoi sette peccati.
 
C'è un'assoluzione
anche per l'assessore corrotto
due preghiere per Giuda Iscariota.
 
Lei è nella navata di destra
i suoi figli, suo marito
e sua madre a cui tremano le mani.
 

Bagna e asciuga.

Onda che viene e che va, movimento ipnotico,
acqua che bagna e asciuga l’arsura.
 
Flusso e riflusso inarrestabile il corpo tuo.
Scivola via portato dalla corrente e poi ritorna.
 
Il moto ricomincia, chi può fermare il mare?
A volte, come scoglio imperterrito, ci provo.
 

Etre jeune

l'originale inviatami da Maria Luisa
Auteur : Samuel Ullman
La jeunesse n'est pas une période de la vie,
elle est un état d'esprit, un effet de la volonté,
une qualité de l'imagination, une intensité émotive,
une victoire du courage sur la timidité,
du goût de l'aventure sur l'amour du confort.

On ne devient pas vieux pour avoir
vécu un certain nombre d'années;
on devient vieux parce qu'on a déserté son idéal.
Les années rident la peau;
renoncer à son idéal ride l'âme.
Les préoccupations, les doutes,
les craintes et les désespoirs
sont les ennemis qui, lentement,
nous font pencher vers la terre
et devenir poussière avant la mort.

Jeune est celui qui s'étonne et s'émerveille.
Il demande, comme l'enfant insatiable ''Et après ?''
Il défie les événements
et trouve la joie au jeu de la vie.

Vous êtes aussi jeune que votre foi.
Aussi vieux que votre doute.
Aussi jeune que votre confiance en vous-même
aussi jeune que votre espoir.
Aussi vieux que votre abattement.

L'incontro tra Elena e Paride

<<Elena (prefazione):
"Oh Paride,
vieni a rapire la tua Elena
in un dì senza sole.
Ti aspetto amore mio,
vivrò sotto il tuo incantesimo,
sfiorami con un tocco
le guance
e sarò tua.">>
-La conoscenza-
Paride:
"Ecco s'erge all'orizzonte
un nobil destriero.
Il fiero cavaliere cavalca al tramonto,
dipinge dietro sè
ogni sorta di incantevoli sfumature.
Arriva il suo splendore,
illumina la Grecia possente,
brilla notte e dì
la stella di Paride."
Elena:
"Menelao m'ha tradita anch'oggi.
Non si fa veder da ore ed ore,
io in pena per lui ad aspettar,
finisco per parlar con Luna e Sole,
unici miei compagni."
(Comincia lieve il pianto di Elena, che culla tutta Sparta, che apre ogni cuore.)
"Povere le mie lacrime,
sprecate per un bastardo
che di me
e della nostra terra non si cura.
Ho donato troppa fiducia a questo Mondo,
m'illudevo perfino d'esser felice.
L'ambizione, così pare, opera buona non è."
Paride:
"Destino mio feroce
come hai potuto farmi questo?
Paride il dannato,
ecco come mi chiamano alla mia patria!
Grecia, oh Grecia maestosa,
dimostrami il tuo splendore,
fammi incontrare una delle tue dee."
(Le luci rosee e dorate ben presto s'abbandonan al crepuscolo, che avido, non permette alle stelle di brillare)
Paride:
"Me misero, nemmeno il cielo mi vuol giovare, in questa notte senza luna.

Verso Est

 
giusto l'inverno
per giustiziare il fato
rinascere ora
 
raccontarsi la vita
e rinnovarla tutta

Il rischio dell'accidia

correrò di nuovo il rischio dell'accidia
in questo giorno di grigio che offende gli occhi
e di rumori attutiti e astratti
 
 
come si attarda l'attesa sul mio corpo
si annida nel vizio capitale
peccato senza remissione
 
 
m'impantano nella palude Stigia
con un semplice socchiudersi degli occhi
e il franare delle mani in grembo
 
 
e non fosse che non credo a niente
dovrei davvero temerle
le trombe del giudizio
 
 
lo squillo stentoreo che interrompa
 
                                       [il silenzio
 
 
 

Urlo

Nella piovosa
nebbia il tuo nome e
tu non rispondi

La malinconia a Montmartre

Passeggio per le vie del cimitero di Montmartre
passeggio parlando con te delle viole tremule
e di morti innocenti.

Cerca nel sito

Calendario 2018 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 8 utenti e 2867 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • Franco Pucci
  • ferdinandocelinio
  • Antonio.T.
  • Eleonora Callegari
  • BOWIL
  • Marina Oddone
  • ferry
  • Rinaldo Ambrosia