Login/Registrati

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

Poesia

concordo

se un pensiero tarlo
mi scava profondo
anche in volo assurdo
tu ci sei, nido caldo,
e concordo con il vento
non occorre l'indice puntato
per trovare il tuo sorriso,
stai ad un palmo dal mio naso
come un attimo frizzante
prima dello starnuto.
capovolte sembianze
siamo il don e sancho
e con uno sguardo
sprofondiamo 
in un mar di risate.
 

 

Ti ricordi di me?

Ti ricordi di me?
Un viso , una voce…gli occhi!
Gli occhi, lo sguardo, le intenzioni espressive
disegnano dentro di me un profilo.
Colori, suoni, pezzetti di immagine
dapprima lentamente
poi sempre più velocemente
si compongono fino a formare
una immagine completa.
Giovane amore tradito sul nascere.
Dolore che riemerge prepotente.
...certo che ricordo e vorrei non ricordarti...
Dio quanti anni!
Ti ricordi di me?
No.

 

Anima perduta

Le mei unghie grattano
i muri scrostati dell'anima
alla disperata ricerca
di uno spiraglio di luce.
La mente s'è persa
per strade impercorribili.
Il corpo sospeso, sempre in bilico
su strapiombi profondi.
Questa stanza ha pareti
che si stringono
e l'aria che respiro
mi strozza la gola.
Non è un letto di rose
dove poso le membra,
ma una gabbia con grosse sbarre
provvista di spesse catene.
Intorno a me
non più canti sento
ma grida strazianti
che bucano le ossa.
E' il buio che mi circonda,
è il silenzio che mi annienta.
Sono alieno in questo mondo
che non riconosco.

scritta dopo aver visto il video: Nell'Inferno delle anime perdute.

egoista

Una cosa veramente brutta è scoprire l'egoismo nelle persone a cui vuoi bene,
l'egoismo e il tradimento...
Mi sento schiacciata da questo loro sentimento e vorrei fuggire per riuscire a respirare..
e così mi ritrovo a rincorrervi per paura di perdervi,
anche se in realtà mi avete profondamente deluso...

Ciò che piace in fine: il sorriso ampio

Palindroma la tua bocca
andirivieni al bacio
sommò lo schianto
della voce dalla gola tenera
quando il tuo nome esplose

Ieri me ne sono andato

Ieri me ne sono andato: per sempre.
Le falangi hanno ceduto. Non l’hanno potuto sostenere,  il peso. Il cielo, com’è precipitato! Soltanto allora ho visto quanto le pareti di quel pozzo fossero tali Scilla e Cariddi, gli spuntoni schiumosi, senza più alcun appiglio.
Tu pure, piccola, avevi puntato piedi, e testa tendendoti come un arco, a farmi inizialmente da ponte sotto il pelo dell’acqua. Che forza.
Una volta cercate le iniziali crepe nel cemento che avrebbero permesso a noi ragni improbabili di artigliarvi qualunque zampa del corpo, sperando nella risalita ci siamo librati con un goffo, ma efficiente ricordo, colpo di reni. Le nostre schiene contrapposte, tenere e audaci, senza mai il coraggio di guardarci, sorridendoci soltanto attraverso uno sguardo fisso alle pareti.
Quell’unica strada, ci sembrò lo specchio attraverso cui continuare, ogni istante, a non perderci di vista.
Le falangi hanno ceduto, quando oltre il parapetto ho intravisto un’ombra.
Non potrò mai perdonarmelo amore. Mio per sempre.
Aho! Ma questa è acqua di pozzo, ci si potrebbero mettere i cocomeri, con il solleone.

Mina- Lui, lui, lui

La notte sta arrivando

s'apre d'improvviso il cielo
fa spazio all'ultimo raggio di sole
che rimbalza esausto
sulla curva ampia del colle
trasformandolo in una meraviglia rosata
un regalo inatteso nel grigio
 
lo guardo avida di bellezza
:
perché la notte sta arrivando
                             e fa paura

 
 

Nei sogni tuoi.

Si ricordo i tuoi occhi, il tuo sguardo,
il tuo profumo e il tuo respiro.

La tua voce che ora sento lontana
stà dentro di me, è parte di me.

Nel mio viaggio nessun'altra incontrerò
che saprà darmi tanto e bisogno non ne ho.

Perchè ho te che mi sai dare tutto
tu che mi sai comprendere,capire
e portare nei pensieri tuoi.

Nelle tue ore e nella tua vita
così legata e così distante.

Anche in questo buio che mi circonda
portami con te nei sogni tuoi.

Lascia che il tuo respiro si unisca al mio
e che una notte d'oblio non abbia mai fine.

Atlantis.

per una stella senza cielo =)

 

Sono le scelte della vita a condizionare il nostro destino,
è la paura di essere sè stessi che condiziona la nostra vita,
ma cosa vuol dire essere noi stessi?
siamo proprio sicuri di conoscere la nostra aura da cima a fondo?
come mi hai detto tu, piccola stella senza cielo, probabilmente ce ne renderemo conto solo quando sarà la fine... e sei stata proprio tu, a venire da me con le tue lacrime dolci a chiederemi la soluzione.. la soluzione c'è SEMPRE, anche se può essere la più banale.. segui il tuo cuore.. uno dei più puri che abbia mai visto.. perché se tu.. stella senza cielo.. sai essere la migliore parte di te quando scrivi puoi anche affrontare qualsiasi ostacolo.. è faticoso... lo so.. ma un giorno una persona mi ha detto che più faticoso sarà il viaggio, più il traguardo sarà soddisfacente... E ricorda.. potrai essere delicata e sensibile come un petalo di un fiore, ma almeno puoi essere fiera di avere un cuore d'oro e di essere una stella... 
più luminosa che mai =)

Nonostante tutto...

Nonostante me lo aspettavo piango. Proprio come una bambina..Le mie lacrime sono così tristi che quando mi muoiono sulla bocca sento quasi il sapore del sale.
Nonostante dovrei reagire mi limito a fissarlo in un riflesso cercando il suo.. o il nostro passato già morto
Ho paura di incontrare ancora una volta i suoi occhi stupendi di quel verde smeraldo fuso con la terra morbida e..
Nonostante mi ingozzo di cioccolata sento la mia bocca aspra e amara allo stesso tempo... e nonostante l'acqua scotti mi arrivano al cuore i brividi di freddo... Ed eccomi qui... a nascondermi di nuovo dietro a una maschera di ghiaccio non solo dagli altri, ma anche da me stessa.. Sarò pure cresciuta, ma sinceramente preferivo rimaner bambina.. nonostante tutto..solo ora mi sento vuota...

 

 

Cerca nel sito

Calendario 2018 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 2 utenti e 2149 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • ferry
  • ferdinandocelinio