Login/Registrati

Sostieni l'associazione

iscrizioni
 
 

amore

chiedimelo

te l'ho lasciato lì,
sospeso tra le labbra
come il fumo di quella sigaretta,
stretto,
come le parole che non riuscivo a dire
urgente,

desiderio

 
Leggero è il respiro di un’onda
nei confini senza fine
l’invisibile sogno
nel lieto l’apparire.

Mi piace il tuo garbo

(a mia moglie Angela)
 
ora dici mi piace
ancora il tuo garbo
e un pizzicotto mi chiedi
per vedere se non è un sogno

il profumo della vita

 
Un bacio è sulle labbra
l’attimo di un respiro
nel labirinto del cuore.

Il senso della vita

A mio padre
 
Dentro ogni abisso
c'è un fondo scuro,
ma avete mai visto
le tante sfumature

Eri il mio amore primario

immagine web
Era un amore primario
e incondizionato il nostro
mamma.
 
Sei stata colei che mi ha supportata

Ritorno a Pietrelcina (*)

“Passai più volte... Dalla vuota casa
anzi... vi ero davanti,
ma non avrei voluto... Disturbavi.”
 

immaginarie stelle

 
Di un tramonto
sei il respiro
di sepolte speranze.
Lo sguardo vagabondo
di anni vissuti

Accenno familiare

A mia madre
 
 

Su una stinta panchina..

Su una stinta panchina
ove in attesa di qualcuno
soli tante volte sostiamo
lo sognammo a lungo
e dolcemente una compagna

Cerca nel sito

Calendario 2018 di Rosso Venexiano

clicca sull'immagine
per scaricare il calendario

Cerca per...

Sono con noi

Ci sono attualmente 5 utenti e 2052 visitatori collegati.

Utenti on-line

  • ferdinandocelinio
  • Bowil
  • luccardin
  • stegiobat
  • numerouno